Un team ha rilevato ematite sulla superficie della Luna. Questo minerale è una forma ossidata di ferro che, qui sulla Terra, richiede per formarsi la presenza di aria e acqua.



Conosciamo tanto della Luna, il nostro vicino cosmico e l’unico corpo del Sistema Solare su cui gli esseri umani hanno messo piede. Sappiamo che praticamente non c’è aria; c’è acqua ghiacciata, ma non liquida. Ma il rilevamento dell’ematite sulla Luna ha sconcertato gli scienziati, dal momento che l’ematite è una forma ossidata di ferro che, qui sulla Terra, richiede per formarsi la presenza di aria e acqua. Inoltre la Luna è costantemente bombardata da un flusso di idrogeno proveniente dal vento solare, un agente riducente che “dona” i suoi elettroni ai materiali con cui interagisce. L’ossidazione si verifica a causa di una perdita di elettroni, quindi, anche se tutti gli elementi giusti fossero presenti per l’ossidazione, il vento solare dovrebbe annullarla. “È molto sconcertante“, ha detto lo scienziato planetario Shuai Li dell’Università delle Hawaii a Manoa.

La scoperta dell’ematite.
L’ematite in questione è stata scoperta nei dati raccolti dall’orbiter Chandrayaan-1 dell’Indian Space Research Organisation. Il Moon Mineralogy Mapper (M3) progettato dal Jet Propulsion Laboratory della NASA utilizza immagini iperspettrali per eseguire un’analisi spettroscopica granulare, fornendo una ripartizione dettagliata della composizione minerale superficiale della Luna. In questo modo, Li ei suoi colleghi hanno identificato depositi di ghiaccio ad alte latitudini attorno ai poli lunari nel 2018. Ma, quando stava esaminando i dati, Li ha notato qualcosa di strano. “Quando ho esaminato i dati nelle regioni polari, ho scoperto che alcune caratteristiche e modelli spettrali sono diversi da quelli che vediamo alle latitudini inferiori o ai campioni Apollo“, ha detto Li. “Ero curioso di sapere se fossero possibili reazioni acqua-roccia sulla Luna. Dopo mesi di indagini, ho capito che stavo vedendo la firma dell’ematite“.

Una grande domanda: come ci è arrivata?
Ebbene, un grande indizio potrebbe risiedere nella distribuzione dell’ematite. Corrisponde piuttosto fortemente a tracce d’acqua precedentemente identificate e legate agli impatti. Gli scienziati ritengono che il ghiaccio d’acqua potrebbe essersi mescolato con la regolite lunare e sciolto durante gli impatti. L’ematite si trova anche principalmente sul lato della Luna che è sempre rivolto verso la Terra. Questo, secondo i ricercatori, è davvero interessante. “La presenza di ematite sul lato lunare visibile dalla Terra suggerisce che potrebbe essere correlata al nostro pianeta”, ha detto Li. “Questo mi ha ricordato una scoperta della missione giapponese Kaguya secondo cui l’ossigeno dell’alta atmosfera terrestre può essere trasportato sulla superficie lunare dal vento solare quando la Luna si trova nella coda magnetica terrestre. Quindi, l’ossigeno atmosferico della Terra potrebbe essere il principale ossidante per la produzione di ematite.“ Durante il plenilunio, il nostro satellite si trova nella coda magnetica terrestre. In questa fase, oltre il 99 percento del vento solare è schermato dal raggiungere la Luna e dunque viene meno l’azione dell’idrogeno. Combinando questi tre ingredienti (quantità minime di acqua molecolare, quantità minime di ossigeno e un breve lasso di tempo ogni mese) la ruggine può formarsi liberamente e, in pochi miliardi di anni, si otterrà l’ematite sulla Luna. Ciò non significa che il mistero sia completamente risolto. “È interessante notare che l’ematite non è assolutamente assente dal lato più lontano della Luna, dove l’ossigeno della Terra potrebbe non aver mai raggiunto, anche se sono state osservate molte meno esposizioni“, ha detto Li. “La piccola quantità di acqua osservata alle alte latitudini lunari potrebbe essere stata sostanzialmente coinvolta nel processo di formazione dell’ematite sul lato lunare, che ha importanti implicazioni per l’interpretazione dell’ematite osservata su alcuni asteroidi di tipo S poveri di acqua“.

Una svolta per la comprensione di Luna e Terra.
Mettere le mani sul minerale stesso sarebbe davvero interessante. È possibile che i depositi di ematite possano ancora trattenere isotopi di ossigeno di epoche diverse nella storia della Terra, risalenti a miliardi di anni fa. Questo potrebbe essere davvero utile per comprendere l’evoluzione atmosferica del nostro pianeta e, naturalmente, sarebbe profondamente interessante anche per comprendere la storia della Luna. “Questa scoperta ridisegnerà la nostra conoscenza sulle regioni polari della Luna“, ha detto Li. “La Terra potrebbe aver svolto un ruolo importante nell’evoluzione della superficie lunare“.

Riferimenti:
https://www.sciencealert.com
https://advances.sciencemag.org

Fonte: https://www.passioneastronomia.it

 

 

Visitatori del sito dal 3 giugno 2024.

Italy 61,0% Italy
United States of America 28,3% United States of America
Germany 7,1% Germany

Total:

10

Countries
000449
Today: 19
Yesterday: 21
This Week: 58
This Month: 449
Total: 449
We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.