In questo video parliamo di qualcosa che non c’è, di un segnale che dovremmo vedere, ma che non si riesce a trovare. Qual è la notizia, allora? Proprio questa: che il telescopio spaziale Fermi della Nasa, che osserva il cielo alla ricerca di raggi gamma, non è ancora riuscito a vedere quelli prodotti dall’esplosione di una supernova, nonostante la teoria li preveda. 

L’esplosione di una supernova, in verità, non produce direttamente raggi gamma. Accelera invece i raggi cosmici facendoli arrivare a velocità prossime a quella della luce. I raggi cosmici sono piccole particelle cariche, per lo più protoni e nuclei di elio, che mentre viaggiano nello spazio interagiscono con il campo magnetico di una galassia, prendendo direzioni sempre diverse. Per questo, quando vengono rilevati qui sulla terra, l’ultima direzione che hanno preso e che possiamo misurare non ci dice nulla di utile sulla loro provenienza. Ma quando i raggi cosmici si scontrano con altre particelle, producono raggi gamma, che seguono invece un percorso lineare per giungere fino alla terra.

Fermi ne ha rilevati alcuni dai resti di una supernova, generati migliaia di anni fa. Se – come pensano gli scienziati – le supernove e i loro resti sono davvero una fonte fondamentale di raggi cosmici, i calcoli dovrebbero prevedere precisamente quanti raggi gamma dovrebbe rilevare Fermi durante l’esplosione, o poco dopo il picco. Finora, però, come si vede in questi grafici, da quei numeri siamo molto lontani. 

Forse perché le supernove osservate finora erano troppo lontane o le osservazioni sono iniziate troppo tardi, in una fase successiva al picco? Sono queste le ipotesi avanzate finora dagli scienziati, che non si rassegnano.

Nel maggio 2023, Fermi ha osservato la supernova vicina più luminosa da quando la missione è stata lanciata, 15 anni fa. Ha raccolto dati durante le prime settimane dell'esplosione, esattamente quando gli scienziati prevedevano la massima produzione di raggi cosmici. Ma nessun raggio gamma è stato visto provenire dall’evento.

Cosa significhi questa grande assenza, ancora non si può dire. Sicuramente, anche non aver visto nulla è comunque un indizio, per quanto negativo.

 

 

Visitatori del sito dal 3 giugno 2024.

Italy 66,1% Italy
United States of America 22,6% United States of America
Germany 3,8% Germany

Total:

39

Countries
002914
Today: 25
Yesterday: 86
This Week: 201
This Month: 1.607
Total: 2.914
We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.