Jeremy Page, editorialista della versione online del prestigioso Wall Street Journal, ci offre alcune riflessioni sull'attuale stato delle relazioni sino-americane dal punto di vista della cooperazione spaziale. Pare infatti che l'iniziativa di Obama di esplorare la possibilita' di missioni umane congiunte sia stata di fatto bloccata dal recente cambiamento degli equilibri nella politica americana. Questo potrebbe precludere agli USA l'accesso a collegamenti economici verso l'ISS, senza contare l'ambizioso programma cinese di una propria stazione spaziale entro la fine del decennio.

 

 

La scorsa settimana, Charles Bolden e' diventato il primo direttore della NASA a visitare i centri spaziali della RPC, che sono, evidentemente, strutture molto riservate e sotto il diretto controllo dell'Esercito Popolare. Da molti questo e' stato visto come un passo avanti significativo verso una fattiva collaborazione tra le due superpotenze.

Tuttavia, al grande rilievo dato alla visita da parte asiatica, ha fatto da contraltare una sostanziale freddezza degli americani: la Casa Bianca non ha commentato il viaggio, mentre la NASA e' stata addirittura piu' evasiva delle agenzie di stampa cinesi. Bolden stesso, nel corso del suo tour, non ha fatto apparizioni pubbliche, e non ha rilasciato commenti al suo rientro sino allo scorso lunedi'. Quando finalmente Bolden ha fatto le sue prime dichiarazioni riguardo il viaggio cinese, egli e' apparso vago e reticente, sottolineando che non erano state discusse "proposte specifiche di futura cooperazione", men che meno missioni umane congiunte.

L'atteggiamento di Bolden si puo' spiegare anche con l'iniziativa adottata lo scorso 15 ottobre da 4 legislatori repubblicani, che hanno chiesto al direttore NASA, in una lettera aperta, di dichiarare al Congresso che l'argomento "missioni umane" non sarebbe stato discusso con i cinesi. Nella lettera venivano citate "serie preoccupazioni riguardo la natura e gli obiettivi del programma spaziale cinese" e si esprimeva una forte avversione verso qualunque forma di collaborazione tra NASA e Cina. E' da notare che 3 dei quattro firmatari della lettera sono membri della commissione che gestisce il bilancio dell'ente spaziale americano.

Per contro, secondo gli esperti del settore aereospaziale, una cooperazione tra i due paesi porterebbe benefici ad entrambi, offrendo alla Cina l'accesso al know how ed alle tecnologie americane, ed agli USA una possibile via economica per raggiungere l'orbita in attesa dello sviluppo dei vari progetti "commerciali".

Si fa quindi strada l'opinione che manchino le condizioni politiche necessarie per promuovere attivita' comuni nello spazio, e che, senza un forte impulso dall'alto da parte americana, ogni iniziativa sia destinata a fallire.

Il programma spaziale cinese e' naturalmente solo uno dei tanti punti di tensione nelle relazioni sino-americane, che riguardano anche il valore attribuito alla valuta del gigante asiatico, il sostegno USA a Taiwan, le richieste territoriali di Pechino ed il sostegno occidentale ai dissidenti cinesi, uno dei quali e' stato insignito del Nobel per la pace.

L'ambiguita' dell'approccio americano, secondo l'articolo, altro non sarebbe che il riflesso delle incertezze sul ruolo della Cina nel mondo: fenomenale motore dello sviluppo ma anche concreta minaccia alla supremazia economica, militare e tecnologica degli Stati Uniti.
Molto del risentimento risale al 1999, quando il rapporto della commissione parlamentare Cox affermo' che la Cina aveva usato i propri lanci commerciali di satelliti americani per rubare agli USA delle tecnologie poi impiegate nello sviluppo del programma missilistico nucleare.
Quando nel 2007 la Cina diede al mondo una scioccante dimostrazione del proprio potenziale, distruggendo un vecchio satellite orbitante, l'episodio contribui' ad esacerbare gli animi.

Gli auspici di una stretta cooperazione in ambito spaziale, formulati da Obama nel corso del suo viaggio dello scorso Novembre, sono ormai dimenticati, ed anche da parte cinese sembra che l'attenzione si stia spostando verso l'ESA, con la quale le relazioni sono piu' semplici e non viziate, pare, da una fondamentale mancanza di fiducia reciproca.

Fonte estera: http://online.wsj.com

Fonte italiana: http://www.astronautinews.it

 


 

Questo codice QR qui sotto è un link che porta a questa specifica pagina web, all'interno di questo sito. Il codice dentro l'immagine quadrata viene interpretato da apposite applicazioni per smartphone, e da altri software, portando direttamente alla pagina che state consultando ora.
Qr Code
756724
OggiOggi1233
IeriIeri1273
Questa settimanaQuesta settimana7947
Questo meseQuesto mese21255
Dall'inizioDall'inizio756724