Programma Gemini, o semplicemente Gemini, è il secondo programma di volo umano nello spazio intrapreso dagli Stati Uniti. Pur essendo stato il terzo programma in ordine cronologico ad essere iniziato, venne concluso prima del lancio della prima missione del programma Apollo. Il progetto venne battezzato Gemini poiché la navicella spaziale poteva ospitare un equipaggio di due uomini. Condotto durante il periodo 1963-1966, il suo scopo fu quello di sviluppare le tecniche per i viaggi spaziali avanzati utilizzati poi durante il programma Apollo per portare l'uomo sulla Luna.

 

Le navicelle Gemini 6A e Gemini 7 si incontrano in orbita.



Storia.
Gemini venne visto in origine come un semplice sviluppo del Programma Mercury e quindi inizialmente fu chiamato Mercury Mark II. Tuttavia alla fine il programma aveva poco in comune con il programma Mercury e sotto certi aspetti fu in pratica superiore anche al Programma Apollo. Questo risultato lo si deve principalmente alla sua tardiva data di inizio che gli permise di beneficiare di quanto era stato fino a quel momento appreso durante lo sviluppo del programma Apollo. Le capsule Gemini, a differenza delle Mercury, potevano alterare la loro orbita. Erano anche in grado di agganciarsi ad altre navicelle, una delle quali, l'Agena Target Vehicle, aveva un suo grosso motore a razzo che veniva usato per eseguire ampi cambi orbitali. Gemini fu la prima navicella americana guidata dall'uomo ad avere un computer a bordo, il Gemini Guidance Computer, per facilitare la gestione e il controllo delle manovre di missione. Il Programma Gemini prevedeva attività extraveicolare (EVA) e manovre orbitali tra cui il rendezvous e l'aggancio (docking).

 

Agena poco prima del rendezvous con la Gemini 12.



Gli astronauti.
A sostegno degli astronauti del programma Mercury, ormai addestrati, il 18 aprile 1962 la NASA decise di assumere un secondo gruppo di astronauti per un massimo di 10 posti. La reazione a tale notizia fu che ben 253 persone si candidarono per tale ruolo presentando apposita istanza d'assunzione. Il 17 settembre 1962 venne dunque presentato al pubblico il secondo gruppo, composto da nove astronauti. Il gruppo era composto da Neil Armstrong, Frank Borman, Charles Pete Conrad, James A. Lovell, James McDivitt, Elliott See, Tom Stafford, Edward H. White e John W. Young. La selezione del terzo gruppo di astronauti iniziò il 5 giugno 1963 mediante un ulteriore bando di concorso. Così il 18 ottobre 1963 la NASA poté presentare altri 14 astronauti: Edwin Buzz Aldrin, William Alison Anders, Charles Bassett, Alan L. Bean, Eugene Gene Cernan, Roger B. Chaffee, Michael Collins, Walter Cunningham, Donn Eisele, Theodore Freeman, Richard Gordon, Russell L. Rusty Schweickart, David Scott e Clifton Williams. In seguito a questi reclutamenti il numero degli astronauti attivi per i programmi Gemini e Apollo arrivarono ad un totale di 27, considerando che gli astronauti del programma Mercury Glenn, Carpenter e Slayton per varie ragioni non potevano essere a disposizione per il Gemini. Note tristi del programma furono che l'astronauta Theodore Freeman morì in un incidente di volo il 31 ottobre 1964, mentre gli astronauti Elliott See e Charles Bassett, designati come equipaggio principale per il volo Gemini 9, perirono il 28 febbraio 1966 precipitando con l'aereo durante un volo di addestramento. Virgil Grissom, Edward White e Roger Chaffee perirono il 27 gennaio 1967 durante la tragedia dell'Apollo 1. Clifton Williams morì in un incidente di volo il 5 ottobre 1967.

 

Schema della navicella Gemini.



Il programma di prova.
Il sistema di atterraggio su terra attraverso l'uso di appositi paracadute venne testato su decisione del produttore, la North American Aviation, a partire dal 1964 mediante 25 appositi voli. Nonostante la NASA decise sin dalla fine di febbraio dello stesso anno di concludere i dodici voli programmati per le missioni Gemini con atterraggi in mare, le esercitazioni per questo sistema continuarono per tutto il resto dell'anno. Dei 25 voli di prova, solo 6 riuscirono ad atterrare senza riscontrare problemi. Tuttavia bisogna sottolineare che in particolar modo gli ultimi tre riuscirono perfettamente e pertanto la meta del progetto era stata raggiunta. Contemporaneamente, con l'inizio dell'anno 1964 iniziarono i test a terra della combinazione Gemini-Titan II perfettamente montata ed installata su apposite rampe e piattaforme di lancio. In particolare vennero testati completamente i sistemi elettronici, le componenti meccaniche ed i sistemi di salvataggio. Il primo lancio di prova, denominato Gemini-Titan 1 (GT-1), venne effettuato l'8 aprile 1964 alle ore 11. Dopo sei minuti il secondo stadio, sul quale era montata la capsula Gemini, entrò in un'orbita stabile intorno alla Terra ed effettuò i tre giri completi programmati. Non essendo comunque programmato un distacco la combinazione si spense poco a poco e, come previsto, dopo la 64-esima orbita rientrò sopra l'Oceano Atlantico meridionale. Dopo questo successo, il 13 aprile la NASA rese noto al pubblico l'equipaggio per la prima missione Gemini: Virgil Gus Grissom e John W. Young. La missione era prevista per il 16 novembre 1964. A causa di un guasto avvenuto a metà agosto 1964, probabilmente causato dall'impatto di un fulmine sulla rampa di lancio n. 19, vennero sospese tutte le esercitazioni programmate per la missione Gemini-Titan 2 (GT-2). Solo all'inizio del mese di settembre si poté nuovamente continuare con il programma. Non fu comunque mai possibile dimostrare con certezza detto impatto a causa della mancanza dei tipici danni da fulmine. La missione venne poi ulteriormente ritardata a causa del passaggio verso la fine di agosto su Cape Canaveral dell'uragano Cleo. Infatti, a causa delle previsioni del passaggio di ulteriori due uragani (Dora e Ethel) previsto per l'inizio di settembre, la combinazione Gemini-Titan 2 venne addirittura smontata e fu nuovamente assemblata solo il 18 settembre. Alla fine del mese di ottobre 1964 l'astronauta Russell L. Schweickart indossò per otto giorni consecutivi la tuta spaziale per le missioni Gemini, per sottoporla ad un test completo. Venne simulata una missione completa della durata di 4 giorni, eseguendo diversi voli parabolici per provare la tuta in assenza di gravità e l'astronauta entrò più volte nella centrifuga di addestramento. Il 9 dicembre 1964, il conto alla rovescia per il lancio della missione Gemini-Titan 2 (GT-2) venne interrotto un secondo dopo l'accensione dei motori principali in seguito all'allarme dato da un'unità di controllo automatica che segnalò la perdita di pressione idraulica nel sistema di pilotaggio del primo stadio del razzo. La missione venne finalmente effettuata senza riscontrare problemi il 19 gennaio 1965. Si trattò di un semplice volo balistico con distacco della capsula Gemini che rientrò poco dopo in atmosfera. Grazie a questo lancio si poté testare per la prima volta lo scudo termico. La capsula Gemini di questa missione venne utilizzata per una seconda volta durante un'esercitazione per il Manned Orbiting Laboratory Project, e divenne pertanto il primo veicolo spaziale ad essere riutilizzato.

 

Lancio di un vettore Titan II.



Missioni.
Senza equipaggio:
Gemini 1 - Primo volo di prova del Gemini
Gemini 2 - Volo suborbitale per testare gli scudi termici
Con equipaggio:
Gemini 3 - Primo volo Gemini con equipaggio
Gemini 4 - Prima EVA americana
Gemini 5 - Primo volo della durata di una settimana
Gemini 7 - Primo volo della durata di due settimane
Gemini 6A - Primo rendez-vous con un'altra navicella (Gemini 7)
Gemini 8 - Primo aggancio nello spazio
Gemini 9A - Primo ed unico rendez-vous con ATDA (augmented target docking adapter)
Gemini 10 - Primo rendez-vous con due navicelle di tipo diverso (Agena Target Vehicles)
Gemini 11 - Volo con equipaggio sulla più alta orbita terrestre
Gemini 12 - Primo rendez-vous manuale

 

Gemini 6A vede Gemini 7, 1965.



Fine del programma.
Con l'atterraggio di Gemini 12 il 15 novembre 1966 e la rispettiva chiusura dell'apposito ufficio Gemini, avvenuta il 1º febbraio 1967, il programma fu dichiarato terminato definitivamente.

Fonte: http://it.wikipedia.org

 

 

Altri progetti correlati con il Programma Gemini e/o le capsule Gemini.

Gemini Saturn I.
Nella primavera del 1964, dopo la cancellazione dei voli del programma Apollo utilizzando il razzo Saturn I, l'uso di questo lanciatore è stato studiato per inviare una sonda spaziale Gemini intorno alla Luna. La missione avrebbe avuto luogo per colmare il divario tra la fine del volo Gemini e Apollo presto con razzo Saturn IB, o nel caso in cui le missioni Apollo avessero subito una battuta d'arresto, rischiando che i sovietici avanzassero nella gara lunare. Per effettuare il volo lunare si aggiunto uno stadio Agena o Centauro al Saturn I. Infine l'idea venne respinta per gli interessi di Wernher von Braun e di altri promotori del programma Apollo che nessuno sforzo fosse deviato ad altri progetti. L'8 giugno dello stesso anno la NASA pubblico' le istruzioni per tutti i voli circumlunari con navi Gemini erano limitati a studi interni, e vieto' di stabilire contratti di studio con società esterne.

Gemini Saturn IB
lo stesso volo schema circumlunare con un veicolo spaziale Gemini venne studiato per il Mare della Tranquillità, venne anche proposto prima degli sbarchi lunari delle missioni Apollo, ma utilizzando un razzo Saturn IB ed uno stadio superiore Centaur. Apparecchi di ricerca scientifica sarebbero stati costituiti da una serie di telecamere sulla parte anteriore della nave. L'idea venne respinta per non deviare gli sforzi del programma Apollo.

Gemini Saturn V.
Oltre al volo circumlunare, una versione di Gemini è stato proposto per orbitare intorno alla Luna con un Saturn V e di esplorare in modo più approfondito le possibili aree di atterraggio delle missioni Apollo. Sarebbe stato utilizzato uno stadio Agena per l'iniezione in orbita lunare ed il ritorno sulla Terra. Il profilo di missione avrebbe comportato un volo di 68 ore da orbita terrestre bassa a orbita lunare, e 68 ore di nuovo, con un periodo di 24 ore di esplorazione lunare da un orbita di 18x144 km. , con telecamere installate nella parte anteriore del nave. L'idea venne respinta per non deviare gli sforzi del programma Apollo.

Gemini LORV.
Il concetto LORV venne studiata come un mezzo per effettuare un ipotetico salvataggio di una missione Apollo immobilizzata in orbita lunare. La nave di salvataggio Gemini, che sarebbe una versione con un modulo di rientro di maggiore dimensione, sarebbe stata lanciata da un Saturno V per entrare in orbita lunare per incontrare con la nave Apollo guasta, il cui equipaggio avrebbe dovuto fare una passeggiata nello spazio fino a bordo della sonda Gemini. La navicella spaziale Gemini poi sarebbe ripartita verso la Terra. Il concetto è stato infine respinto a favore di sistema di salvataggio piu' flessibile, comprendente anche la superficie lunare.

Fonte: http://zlobone.com

 


 

Questo codice QR qui sotto è un link che porta a questa specifica pagina web, all'interno di questo sito. Il codice dentro l'immagine quadrata viene interpretato da apposite applicazioni per smartphone, e da altri software, portando direttamente alla pagina che state consultando ora.
Qr Code
798795
OggiOggi696
IeriIeri1401
Questa settimanaQuesta settimana4905
Questo meseQuesto mese23581
Dall'inizioDall'inizio798795