Immagini del sistema Thaad americano.

 

 

 

 

 

In Arabia Saudita sono iniziati a volare spesso razzi.
Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha condannato l'attacco dei ribelli Huthi yemeniti contro la capitale saudita Riyadh. L'obiettivo fallito dell'attacco era il palazzo reale Al-Yamamah. Il razzo o è stato abbattuto o ha deviato dalla sua traiettoria. In questo contesto l'Arabia Saudita intende rafforzare in modo significativo la difesa missilistica. I principali candidati per la contraerea del regno saudita sono il sistema statunitense Thaad (Terminal High Altitude Area Defense) e il russo S-400 Triumf. Nell'articolo di Sputnik i vantaggi e gli svantaggi di questi due armamenti.

L'S-400 colpisce più distante, il Thaad più alto.
Obiettivamente i Thaad e gli S-400 Triumf sono concorrenti ipotetici. Il "Triumf" è destinato principalmente alla distruzione di obiettivi aerei in movimento: aerei, missili da crociera, veicoli senza equipaggio. Il Thaad è un sistema inizialmente basato sulla lotta contro i missili balistici di piccola e media portata. L'armamento americano è in grado di distruggere obiettivi ai valori limite di altitudine per i sistemi tradizionali di contraerea, ovvero fino a 150 chilometri e secondo alcune fonti 200 chilometri di quota. Il nuovo missile antiaereo 40N6E del Triumf russo non funziona sopra i 30 chilometri di quota. Tuttavia, secondo gli esperti, l'altitudine d'attacco del razzo, soprattutto quando si tratta di combattere i missili tattici, non è un aspetto critico. "Per la contraerea in uno scenario di guerra la distruzione degli obiettivi avviene durante la traiettoria discendente, piuttosto che nello spazio, — ha detto a Sputnik Ajtech Bizhev, ex vice comandante delle forze aeree russe. — Alla fine degli anni '80 nella difesa aerea della capitale erano stati proposti l'utilizzo di due reggimenti. Nel poligono di Kapustin Yar è stato ricreato il modello di difesa aerea di Mosca con le stesse dimensioni geometriche e sono stati lanciati dalla stratosfera 2 bersagli. Tutti sono stati neutralizzati ad una distanza di 120 chilometri". Tra l'altro, il pericolo principale per l'Arabia Saudita di oggi sono i missili tattici R-17 "Scud" ed i razzi di produzione nazionale "Qahira" e "Zelzal", creati sulla base del complesso sovietico "Luna-M". Un'altra differenza chiave tra i complessi americani e russi è il principio di azione. Se il "Triumf" colpisce con frammenti l'obiettivo dopo l'esplosione del razzo vicino il bersaglio, la testata del Thaad colpisce precisamente l'obiettivo. Allo stesso tempo, nonostante l'apparente complessità di questa decisione, gli americani sono riusciti ad ottenere buoni risultati durante i test: la probabilità di distruggere il bersaglio è del 90%, mentre se il Thaad gode della copertura di un'altra arma antiaerea più semplice, si sale al 96%. Il vantaggio principale dei "Triumf" nel caso di suo utilizzo come sistema anti-missile è una gittata più alta. Il missile 40H6E ha una gittata di 400 chilometri, mentre il Thaad arriva a 200 chilometri. A differenza dell'S-400, che può sparare a 360 gradi, una volta fissato al suolo il Thaad può colpire i bersagli a 90° in orizzontale e 60° in verticale. Ma allo stesso tempo "l'armamento americano" ha una migliore visione: il raggio di rilevamento del radar AN/TPY-2 è di 1.000 chilometri contro i 600 chilometri del sistema russo.

Combinare l'incompatibile.
Apparentemente l'Arabia Saudita intende costruire la sua difesa aerea su due sistemi d'arma completamente diversi. Questo approccio può sembrare un po' strano, perché quando utilizzati possono sorgere seri problemi di compatibilità. Tuttavia, secondo gli esperti, si tratta di un problema completamente risolvibile. "Questi due sistemi non possono essere utilizzati in modalità automatica da un unico centro di comando, — ha detto a Sputnik l'esperto militare Mikhail Khodarenok. — Hanno una logica completamente diversa. Questo non esclude la possibilità del loro utilizzo nel combattimento come due sistemi separati. Possono essere schierati in posizioni diverse per il perseguimento di un obiettivo comune o nella stessa zona a difesa di un struttura. Possono completarsi perfettamente l'uno con l'altro, essendo nello stesso gruppo". La volontà dell'Arabia Saudita di acquisire sia sistemi russi sia americani potrebbe essere dettata da altre considerazioni. Dopo l'operazione Desert Storm, in cui i sistemi missilistici antiaerei dell'Iraq si sono dimostrati inadatti, i potenziali acquirenti hanno iniziato ad essere più cauti nell'acquistare le armi prodotte in Occidente. "Ad esempio l'F-16 delle forze aerea giordane non può abbattere l'F-16 dell'aviazione israeliana. Detto in altri termini se sull'Arabia Saudita saranno usate armi americane, solo l'S-400 può neutralizzarle. Non è escluso che solo per questo acquistano il sistema russo". La differenza più importante tra i Thaad e "Triumf" è il prezzo. Il costo di una batteria Thaad, composta da 6 postazioni di lancio per 8 missili intercettori, è di circa 2,3 miliardi di dollari. Altri 574 milioni costa la stazione radar. Il costo della divisione S-400 con otto lanciatori per quattro missili è di circa 500 milioni di dollari. Il complesso russo costa quasi sei volte di meno, mentre i vantaggi dei Thaad, almeno per il momento, non sono evidenti.

Fonte: https://it.sputniknews.com

 

 

Immagini del sistema S-400 russo.

 

 

 

 

 

Questo codice QR qui sotto è un link che porta a questa specifica pagina web, all'interno di questo sito. Il codice dentro l'immagine quadrata viene interpretato da apposite applicazioni per smartphone, e da altri software, portando direttamente alla pagina che state consultando ora.
Qr Code
OggiOggi1210
IeriIeri1454
Questa settimanaQuesta settimana3995
Questo meseQuesto mese2664
Dall'inizioDall'inizio1408969