preview

Velivolo di pre-produzione F-CK-1A IDF.

 

Taiwan ha perseguito una serie di programmi di armi di distruzione di massa dal 1949 alla fine degli anni '80. Il programma segreto finale sulle armi nucleari è stato chiuso alla fine degli anni '80 sotto la pressione degli Stati Uniti, dopo aver completato tutte le fasi dello sviluppo delle armi oltre all'assemblaggio finale e ai test; mancavano di un meccanismo di rilascio efficace ed avrebbero dovuto miniaturizzare ulteriormente qualsiasi arma prima che potesse essere efficacemente utilizzata in combattimento. Non ci sono prove che Taiwan possieda attualmente armi chimiche, biologiche o nucleari.

 

L'ex presidente della ROC Lee Teng-hui.



Armi nucleari.
Durante la Guerra Fredda, gli Stati Uniti hanno schierato armi nucleari a Taiwan come parte del comando di difesa statunitense di Taiwan. Nel 1972 il presidente degli Stati Uniti Richard Nixon ordinò di rimuovere le armi nucleari da Taiwan, e ciò fu realizzato nel 1974. È noto che le armi nucleari erano state immagazzinate nella base dell'aeronautica di Taiwan.

 



Programma di ricerca.
Lo sviluppo di armi nucleari da parte di Taiwan è stato una questione controversa, poiché era stato innescato dal primo test nucleare della Repubblica popolare cinese nel 1964. Gli Stati Uniti, sperando di evitare l'escalation delle tensioni nello Stretto di Taiwan, dopo il 1979 si sono continuamente opposti all'armamento di Taiwan con armi nucleari. Di conseguenza Taiwan aderisce ai principi del Trattato di non proliferazione nucleare ed ha dichiarato che non intende produrre armi nucleari, su base ufficiale. La ricerca nucleare del passato di Taiwan ne fa uno stato nucleare "soglia". Nel 1967, un programma segreto di armi nucleari iniziò sotto gli auspici dell'Istituto di ricerca sull'energia nucleare (INER) presso l'Istituto di scienza e tecnologia di Chungshan. Taiwan è stata in grado di acquisire tecnologia nucleare dall'estero (compreso un reattore di ricerca dal Canada e plutonio di bassa qualità dagli Stati Uniti) presumibilmente per un sistema energetico civile, ma in realtà per sviluppare combustibile per armi nucleari. Negli anni '70, Taiwan aveva un programma attivo per la produzione di plutonio utilizzando reattori ad acqua pesante. Tuttavia, dopo che l' Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA) ha trovato prove degli sforzi di Taiwan per produrre plutonio per armamenti, Taiwan ha accettato nel settembre 1976 (sotto la pressione degli Stati Uniti) di smantellare il suo programma di armi nucleari. Uno studio della Mitre Corporation, nel 1977, includeva Taiwan in un elenco di stati di soglia nucleare "insicuri", stati con la capacità tecnica di sviluppare armi nucleari e le motivazioni di sicurezza per prendere seriamente in considerazione tale opzione. Gli altri stati erano Israele, Sud Africa, Corea del Sud e Jugoslavia. L'intelligence statunitense credeva anche che Taiwan avesse progettato dispositivi adatti ai test nucleari. Il programma segreto di armi nucleari fu rivelato dopo il massacro di Lieyu del 1987, quando il colonnello Chang Hsien-yi, vicedirettore della ricerca nucleare all'INER, che lavorava segretamente per la CIA, disertò negli Stati Uniti nel dicembre 1987 e produsse un deposito di documenti incriminanti. Il generale Hau Pei-tsun ha affermato che gli scienziati di Taiwan avevano già prodotto una reazione nucleare controllata. Sotto la pressione degli Stati Uniti il programma è stato interrotto. Uno studio sul programma segreto ha concluso che al momento della defezione di Chang, Taiwan era a uno o due anni dalla possibilità di completare un'arma atomica funzionante. Chang afferma che la signora Chiang Kai Shek e gli ufficiali militari a lei fedeli avevano accelerato lo sviluppo di armi nucleari (e persino istituito una catena di comando parallela) per promuovere la loro agenda. Nel 1987 il progetto della testata aveva un diametro di 60-70 cm, con involucro e un peso di 900 kg, il che significa che sarebbe stata necessaria un'ulteriore miniaturizzazione per ottimizzare l'arma per il lancio.

 



Sistemi di lancio.
Il sistema missilistico balistico Sky Horse è stato sviluppato alla fine degli anni '70 ed all'inizio degli anni '80, prima che una combinazione di pressioni del presidente americano Ronald Reagan e la concorrenza interna dei programmi di sviluppo di missili balistici fermassero il programma nel 1982. Di fronte all'incapacità di mettere in campo la consegna desiderata i progettisti del sistema si sono rivolti alle alternative. Il mezzo di consegna secondario era l'aereo AIDC F-CK-1 Ching-kuo, allora in fase di sviluppo. I progettisti di armi al CSIST (ora NCSIST) sono stati incaricati di progettare l'arma nucleare in modo che si adattasse alle dimensioni del serbatoio di caduta della linea centrale dell'F-CK-1 (~ 50 cm di diametro). Sarebbero state necessarie modifiche al velivolo per ottenere la portata desiderata di 1.000 km (specialmente senza il serbatoio di caduta della linea centrale disponibile). L'F-CK-1 non sarebbe stato in grado di portare a termine la missione di attacco nucleare fino alla metà del 1989. I primi progetti richiedevano una bomba a gravità non potenziata.

 



Stato attuale.
Dalla fine del programma sulle armi nucleari, la "Carta nucleare" ha svolto un ruolo importante nelle relazioni di Taiwan sia con gli Stati Uniti che con la Cina. Durante la crisi dello Stretto di Taiwan del 1995-1996 , l'allora presidente di Taiwan, Lee Teng-hui , propose di riattivare il programma, ma pochi giorni dopo attenuò la retorica, dicendo che sebbene Taiwan fosse latente-nucleare, "sicuramente non produrrà armi nucleari". Non ci sono prove che Taiwan possieda armi nucleari o programmi per produrle, sebbene abbia la capacità tecnologica avanzata necessaria per sviluppare armi nucleari, nonché la capacità high-tech di arricchire l'uranio o processare il plutonio. Le centrali nucleari di Taiwan utilizzano uranio arricchito importato e sono soggette a ispezioni dell'AIEA. Taiwan ha teoricamente il potenziale per sviluppare armi nucleari dalle riserve monazite domestiche, e questo potenziale è stato esplorato dai militari nel 1951-1952. Tuttavia, il contenuto di torio della monazite è stato ritenuto troppo basso per giustificarne il recupero, e l'esercito si è invece rivolto a fonti straniere amichevoli.

 



Armi chimiche e biologiche.
Durante il periodo coloniale giapponese una fabbrica di armi chimiche era in funzione nel nord di Taiwan, i nazionalisti presero possesso di questa struttura dopo la conclusione della seconda guerra mondiale, e si ritiene che abbiano ampliato la struttura. Il Congresso degli Stati Uniti fu informato nel 1989 che Taiwan avrebbe potuto acquisire capacità offensive di armi chimiche, comprese le scorte di sarin. Le presunte strutture includono Tsishan e Kuanhsi. Le autorità taiwanesi hanno riconosciuto solo l'esistenza di un programma di ricerca difensivo. Nel 1997 il Servizio di intelligence estero russo ha valutato che Taiwan non possedeva armi biologiche ma aveva "mostrato segni di condurre ricerche biologiche di natura militare applicata". Ci sono state voci di programmi di armi biologiche e chimiche taiwanesi offensivi e difensivi in ​​corso, ma non è mai stata presentata alcuna prova conclusiva di sviluppo o dispiegamento.

 



Ratifica dei trattati internazionali.
La Repubblica di Cina ha ratificato il Protocollo di Ginevra il 7 agosto 1929 e il Trattato di non proliferazione nucleare (TNP) nel 1970 e Taiwan si considera vincolata da entrambi. A seguito della risoluzione 2758 (1971) dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, le Nazioni Unite riconoscono la Repubblica popolare cinese e non riconoscono Taiwan come stato sovrano con la capacità giuridica di aderire ai trattati internazionali. A causa del suo controverso status politico, a Taiwan non è stato permesso di partecipare alla Convenzione sulle armi biologiche o alla Convenzione sulle armi chimiche, ma ha dichiarato che si atterrà entrambi i trattati. Inoltre Taiwan ha dichiarato che continuerà a rispettare il TNP, nonostante la risoluzione 2758. Taiwan era uno dei membri originali del TNP nel 1968. Dopo che la Repubblica popolare cinese ha sostituito Taiwan alle Nazioni Unite nel 1971, in effetti Taiwan ha cessato di essere attiva come parte partecipante alle attività ufficiali del TNP. Tuttavia, ha firmato un accordo trilaterale con gli Stati Uniti e l'AIEA nel 1971, affermando che avrebbe continuato a rispettare i termini del TNP come parte di ratifica. Pur non essendo un membro dell'AIEA, Taiwan continua a sottoscrivere le garanzie dell'AIEA in base a due accordi, INFCIRC / 133 e INFCIRC / 158.

Fonte: https://it.other.wiki

 

 

Questo codice QR qui sotto è un link che porta a questa specifica pagina web, all'interno di questo sito. Il codice dentro l'immagine quadrata viene interpretato da apposite applicazioni per smartphone, e da altri software, portando direttamente alla pagina che state consultando ora.
Qr Code
OggiOggi957
IeriIeri970
Questa settimanaQuesta settimana5808
Questo meseQuesto mese21193
Dall'inizioDall'inizio2058772