Il II Reparto informazioni e sicurezza è una sezione d'intelligence militare dei servizi segreti italiani che dipende dallo stato maggiore della difesa. Istituito nel 1998 e operativo dal 2000, ai sensi della legge 3 agosto 2007 n. 124 interagisce esclusivamente con l'Agenzia informazioni e sicurezza esterna, sostituendo il Servizio informazioni operative e situazione (SIOS).

 

Storia.

Venne istituito dalla legge 18 febbraio 1998 n. 25, e assorbì tutti e tre i SIOS di Esercito, Marina militare e Aeronautica (soppressi definitivamente nel 2006), ridenominati RIF, AGS, RGS. Nel 1999 acquisì il Dipartimento di Polizia militare, retto da un generale di brigata dei Carabinieri. Con la riforma dei servizi del 2007 al II RIS vengono affidati "compiti di carattere informazioni e sicurezza generale in Italia ed all'estero, tecnico militare e di polizia militare (poiché l'Autorità nazionale di polizia militare è individuata nel capo dello stato maggiore della difesa) e, in particolare, ogni attività informativa utile al fine della tutela dei presidi e delle attività delle Forze armate all'estero".

 

Compiti.

Opera principalmente nei teatri di guerra o nelle zone a rischio dove sono impiegati militari italiani. Il RIS agisce in stretto collegamento con l'AISE ai sensi dell'art.8 della legge n. 124 del 1º agosto 2007, così come dapprima agiva in stretto collegamento con il Servizio informazioni e sicurezza militare (Sismi). Dal II RIS dipendono tutti gli uffici degli addetti per la difesa nei vari paesi del mondo, gli uffici di rappresentanza presso la NATO, SHAPE, OSCE e le National Intelligence Cells (NIC) situate nei vari teatri operativi.

 

Fonte ed altri dati: https://it.wikipedia.org

 

Crest dell'U.T.O. - Ufficio tecnico operativo del C.I.I. - Centro intelligence interforze

 

 

Distintivo d'appartenenza a bassa visibilità del Gr.R.E.A., Componente Aerea del C.I.I. , Centro intelligence interforze, da apporre sul pettorale sinistro dell'uniforme di volo, per tutti i militari dipendenti direttamente dal gruppo.

 

Stemma del Centro Intelligence Interforze.

 

 

Il Centro intelligence interforze (C.I.I.) è una branca del servizio informazioni militare italiano, interno alle forze armate italiane e dipende dal II Reparto informazioni e sicurezza dello Stato maggiore della Difesa. Istituito nel 1997 è operativo dal 2000 e svolge le funzioni di intelligence che erano proprie dei Servizio informazioni operative e situazione di Esercito, Marina e Aeronautica.

 

Storia.

Nel 1997 si decise di accentrare i tre SIOS delle forze armate italiane allo stato maggiore della difesa. Il trasferimento di competenza è stato sancito dalla direttiva del ministro della Difesa n° 1/30863/14.1.8/97 del 15 maggio 1997 e l'attività, dopo una fase sperimentale, ha portato il 1º settembre 2000 alla costituzione del II Reparto informazioni e sicurezza dello stato maggiore della difesa (R.I.S.), da cui dipendono sia il Centro intelligence interforze (C.I.I.) che la Scuola interforze intelligence-guerra elettronica (S.I.I./G.E.). La scuola il'1º aprile 2004 si è trasformata nel Centro interforze di formazione intelligence/guerra elettronica, unico polo formativo per l'intelligence tecnico-militare italiana.

 

Funzioni.

Diversamente dall'AISE, che è un servizio informazioni e controspionaggio particolarmente rivolto a operazioni all'estero, il C.I.I. è interno alle stesse forze armate italiane e si occupa essenzialmente di problematiche militari. Esso quindi si occupa principalmente di questioni di intelligence e guerra elettronica, quali imagery (IMINT), signals (SIGINT), electronic (ELINT), human (HUMINT) e communications intelligence (COMINT). Con la legge di riforma dei servizi del 2007, al Reparto informazioni e sicurezza (RIS), vengono affidati "esclusivamente compiti di carattere tecnico militare e di polizia militare, e in particolare ogni attività informativa utile al fine della tutela dei presidi e delle attività delle forze armate all'estero, e non è parte del Sistema di informazione per la sicurezza. Il RIS all'estero agisce in stretto collegamento con l'AISE".

 

Fonte ed altri dati: https://it.wikipedia.org

 


 

Questo codice QR qui sotto è un link che porta a questa specifica pagina web, all'interno di questo sito. Il codice dentro l'immagine quadrata viene interpretato da apposite applicazioni per smartphone, e da altri software, portando direttamente alla pagina che state consultando ora.
Qr Code
OggiOggi380
IeriIeri1075
Questa settimanaQuesta settimana1455
Questo meseQuesto mese30531
Dall'inizioDall'inizio1363788