“La Cina deve espandere il suo arsenale nucleare”. Non sembra lasciare dubbi l’opinione pubblicata dal Pla Daily – l’organo d’informazione internazionale dell’esercito cinese – e riportata anche dal South China Morning Post. L’editoriale è uscito martedì scorso. In esso, si spiegava che, nonostante la Cina disponga già di un numero sufficiente di armi nucleari “per prevenire il ‘bullismo’ da parte di altre potenze nucleari”, essa deve tuttavia ancora rispondere ai cambiamenti nella strategia statunitense. Una strategia che, secondo quanto riportato nei giorni dalle prime informazioni sulla bozza della nuova Nuclear Posture Review, potrebbe prevedere anche una sorta di “sdoganamento” dell’arma nucleare nell’ambito di una rivisitazione della strategia atomica degli Stati Uniti. “Per migliorare il contrappeso strategico della Cina nella regione, mantenere lo status della Cina come quello di una grande potenza e proteggere la sicurezza nazionale, la Cina deve rafforzare e sviluppare una capacità di deterrenza nucleare affidabile”. Questo uno dei passaggi dell’editoriale di martedì, in cui è stato anche scritto che la Cina si atterrà in ogni caso ancora alla dottrina del “no first use”.

Gli analisti militari intervistati dal South China Morning Post hanno detto che la Cina è pronta ad aumentare il proprio arsenale nucleare senza un piano effettivo per rivaleggiare con gli Stati Uniti. Questo naturalmente non implica in automatico che la Cina non abbia interesse a fronteggiare la potenza americana, ma che la questione nucleare prescinde dalla sfida a Washington. Perché l’Asia, non va dimenticato, è un continente dove le armi nucleari sono in aumento e dove è in atto una vera e propria corsa all’ottenimento di un proprio arsenale nucleare. Zhou Chenming, analista militare di Pechino, ha detto al quotidiano di Hong Kong che la Cina “ha solo bisogno di aggiungere circa 100 testate al suo arsenale per contrastare le minacce provenienti dagli Stati Uniti e dall’India”. Una frase non detta casualmente, ma che indica chiaramente quali siano le due minacce per ciò che riguarda la geopolitica cinese: India e Stati Uniti. Le due potenze si stanno allineando sempre di più nell’ottica del contrasto all’espansione cinese in Asia e nel mondo; e la nascita dell’asse dell’Indo-Pacifico sul piano militare influisce anche sull’assetto degli arsenali atomici di questi due Stati. Se, infatti, l’arsenale statunitense è certamente migliore nella quantità e nella qualità, non va dimenticato che l’India sia una delle maggiori potenze nucleari del mondo e continua ad aumentare la propria capacità balistica.

La Cina non ha mai dichiarato la portata del suo arsenale atomico. L’Associazione per il Controllo delle Armi (Arms Control Association con sede a Washington) stima che il gigante cinese possieda circa 270 testate. Un numero molto più basso di Russia e Stati Uniti, che sono attualmente di gran lunga gli Stati con il più alto numero di armi nucleari, e che porrebbe la Cina al quarto posto nella classifica dei possessori di testate nucleari subito dopo la Francia, che ne possiede 300. Un altro analista sentito dal Scmp, Song Zhongping, ex membro del secondo corpo di artiglieria dell’Esercito popolare di Liberazione, ha affermato che la Cina dovrebbe effettivamente aumentare il numero delle testate e garantirsi comunque una quantità di alcune centinaia di testate utilizzabili in qualsiasi momento, ma in realtà non ci sarebbe la necessità di una corsa per raggiungere i numeri così elevati che hanno Paesi come la Russia (circa7mila) e gli Stati Uniti. La Cina può assemblare molte armi nucleari in breve tempo in caso di guerra. L’obiettivo ultimo dell’esercito è quello di rafforzare l’efficacia del suo potere di risposta nucleare” ha ricordato Song Zhonpgping.

Una frase che è perfettamente in linea con la nuova strategia militare cinese che ha deciso di virare molto più sulla tecnologia e sulle capacità di lancio rispetto alla quantità, che è sempre stata un punto di forza della potenza militare cinese. Del resto, l’arma nucleare, in sé, ha un potere unico che permette di prescindere dalle enormi quantità possedute da Mosca e Washington. Quei numeri fanno parte di una visione passata, tipica della Guerra Fredda, in cui la lotta per primeggiare faceva sì che le due superpotenze gareggiassero anche sui numeri. Oggi non è più così. A Pechino sono tutti consapevoli che centinaia di testate sono già sufficienti per rappresentare una grande minaccia. Il primo obiettivo è dunque quello di aumentare il numero per dimostrare comunque di avere una potenza di fuoco che la porti ad essere quantomeno vicina alle altre due grandi superpotenza nucleari. Ma l’obiettivo concreto e più a lungo termine è quello di rendere quest’arma in grado di arrivare ovunque, nel minor tempo possibile e con la migliore capacità di colpire il bersaglio. E questo comporta anche lo sviluppo di strumenti, vettori e mezzi sempre più avanzati. Gli ultimi progressi della tecnologia bellica cinese vanno proprio in questa direzione e il concetto di arma strategica va inteso proprio in questa nuova nozione, non di più, ma migliori.

 

Fonte: http://www.occhidellaguerra.it

 


 

Questo codice QR qui sotto è un link che porta a questa specifica pagina web, all'interno di questo sito. Il codice dentro l'immagine quadrata viene interpretato da apposite applicazioni per smartphone, e da altri software, portando direttamente alla pagina che state consultando ora.
Qr Code
OggiOggi990
IeriIeri1261
Questa settimanaQuesta settimana4831
Questo meseQuesto mese24091
Dall'inizioDall'inizio2159165