Stampa

Il presidente americano George W. Bush sarebbe pronto a giustificare lo scudo spaziale con la necessita' di proteggersi da un'invasione di alieni dallo spazio, mentre in realta' si tratta solo di uno strumento per assicurarsi ''il dominio mondiale''. E' quanto sostiene ''un'alta fonte militare-diplomatica'' russa citata dall'agenzia Itar-tass.

Il leader comunista Ghennadi Ziuganov ha da parte sua criticato ''la politica estera inetta'' del governo russo per non aver capito in tempo che gli Stati Uniti ''ignorano e di fatto si sono ritirati da lungo tempo da tutti i trattati e accordi internazionali'' fra i quali quello Abm del 1972. Secondo la fonte militare citata da Itar-Tass, i cosiddetti ''paesi criminali'' dai quali Washington dice di volersi difendere con lo scudo spaziale, non hanno in realta' ''ne' il bisogno ne' la tecnologia' e neppure la capacita' economica per missili balistici intercontinentali'' in grado di minacciare gli Stati Uniti. ''Se i cosiddetti paesi criminali non esistessero - sottolinea la fonte - Washington giustificherebbe la necessita' di dislocare il sistema di difesa missilista nazionale suggerendo una minaccia missilistica da parte di creature provenienti da altri pianeti''.


Dall'agenzia Ansa del 2 maggio 2001.

 

 

Vladimir Putin, Presidente russo:
«Per giustificare lo scudo spaziale gli Usa sono pronti ad addurre il rischio di un' invasione di alieni. Washington non faccia passi unilaterali, ma si consulti con alleati e amici, compresa la Russia»


Farkas Alessandra
(3 maggio 2001) - Corriere della Sera

Fonte: http://archiviostorico.corriere.it

 


 

Categoria principale: Articoli
Categoria: Istituzioni
Visite: 703