Gli astronomi che studiano i dati osservativi del telescopio spaziale ad infrarossi della NASA, chiamato WISE, hanno scoperto il primo asteroide "Trojano" in orbita attorno al Sole e alla Terra. I trojani sono asteroidi che condividono un'orbita con un pianeta vicino a punti stabili di fronte o dietro di esso. Poiché seguono costantemente la stessa orbita del pianeta e non possono entrare in collisione con esso. Nel nostro Sistema Solare, i Trojani condividono le orbite con Nettuno, Marte e Giove. Due lune di Saturno sono Trojani.

 

 

Gli scienziati avevano previsto già che la Terra potesse avere dei Trojani, ma la loro scoperta è stata difficile perché sono relativamente piccoli e appaiono vicino al Sole dal nostro punto di vista. "Questi asteroidi orbitano per lo più alla luce del giorno, il che li rende molto difficili da vedere", ha detto Martin Connors dell'Athabasca University in Canada, autore principale della scoperta, pubblicata sul numero del 28 luglio di Nature. "Ma ne abbiamo finalmente trovato uno, perché l'oggetto ha un'orbita insolita più lontana dal Sole di quello che è tipica per i Trojani. WISE ha cambiato le regole del gioco, dandoci un punto di vista difficile da avere sulla superficie terrestre".

Il telescopio WISE ha scansionato l'intero cielo in luce infrarossa dal gennaio 2010 al febbraio 2011. Connors e il suo team hanno iniziato la ricerca di un Trojano utilizzando i dati di NEOWISE, grazie alla missione aggiuntiva di WISE che si è concentrata in parte su oggetti chiamati NEO (Near Earth Objects) pertanto vicini alla Terra, come gli asteroidi e le comete.

I NEO sono corpi che passano all'interno di 28 milioni miglia (45 milioni di chilometri) del percorso della Terra intorno al Sole. Il progetto NEOWISE ha osservato più di 155.000 asteroidi nella fascia principale tra Marte e Giove, e più di 500 NEO, scoprendone 132 sconosciuti.
I candidati Trojani sono stati due: uno chiamato 2010 TK7, che è stato confermato come Trojano della Terra dopo la conferma ottenute dal telescopio terrestre Canada-France-Hawaii Telescope a Mauna Kea alle Hawaii.

L'asteroide è di circa 1.000 piedi (300 metri) di diametro. Ha un'orbita insolita che traccia un movimento complesso in prossimità di un punto stabile sul piano dell'orbita terrestre, anche se l'asteroide si muove anche sopra e sotto il piano. L'oggetto è posto a circa 50 milioni di miglia (80 milioni di chilometri) dalla Terra. L'orbita dell'asteroide è ben definita e per almeno i prossimi 100 anni, non si avvicinerà alla Terra oltre i 15 milioni di miglia (24 milioni di chilometri).

Un'animazione che mostra l'orbita è disponibile all'indirizzo:
http://www.nasa.gov

"E 'come se la Terra stesse giocando a inseguirlo", ha detto Amy Mainzer, il ricercatore principale di NEOWISE a Propulsion Laboratory della NASA di Pasadena, in California. "La Terra è sempre a caccia di questo asteroide in giro".

Una manciata di altri asteroidi hanno anche orbite simili alla Terra. Tali oggetti potrebbero divenire ottimi candidati per la futura esplorazione robotica e umana. L'asteroide 2010 TK7 non è un buon obiettivo, perché viaggia troppo sopra e sotto il piano dell'orbita terrestre, il che richiederebbe grandi quantità di carburante per raggiungerlo. "Questa scoperta spiega perché il programma di osservazione NEO della NASA ha finanziato la missione di valorizzazione e di elaborazione dei dati raccolti da WISE", ha detto Lindley Johnson, direttore del programma NEOWISE presso la sede della NASA a Washington. "Credevamo ci fosse un grande potenziale per trovare oggetti vicini alla Terra nello spazio che non era stato visto prima".

I dati della missione NEOWISE sulle orbite di centinaia di migliaia di asteroidi e comete osservate, sono disponibili attraverso il Minor Planet Center della NASA, finanziato dall'Unione Astronomica Internazionale presso la Smithsonian Astrophysical Observatory di Cambridge, Mass. JPL dirige e gestisce WISE per la Mission Directorate della NASA Science di Washington. Il ricercatore principale, Edward Wright, professore presso la University of California, Los Angeles.

La missione è stata selezionata nell'ambito del programma di esplorazione della NASA, che è gestita dall'agenzia del Goddard Space Flight Center di Greenbelt, nel Maryland. Lo strumento scientifico è stato costruito dal Laboratorio di Dinamica Spaziale a Logan, Utah.
La navicella spaziale è stata costruita dalla Ball Aerospace & Technologies Corp., Boulder, in Colorado e le operazioni di elaborazione dei dati scientifici hanno avuto luogo presso la lavorazione a infrarossi e il Centro di Analisi del California Institute of Technology di Pasadena.
Caltech gestisce il JPL della NASA.

Per ulteriori informazioni visitare il sito WISE: http://www.nasa.gov .

A cura di Arthur McPaul

Fonte: http://www.sciencedaily.com

 

Questo codice QR qui sotto è un link che porta a questa specifica pagina web, all'interno di questo sito. Il codice dentro l'immagine quadrata viene interpretato da apposite applicazioni per smartphone, e da altri software, portando direttamente alla pagina che state consultando ora.
Qr Code
OggiOggi106
IeriIeri1076
Questa settimanaQuesta settimana5626
Questo meseQuesto mese26926
Dall'inizioDall'inizio1360183