Oggi Robert Keller guarda fuori dalla finestra del suo ufficio, pensando all'ultima volta che ha visto il suo migliore amico più di trent'anni fa. "Granger e io siamo stati per anni inseparavili... ovunque andasse io gli stavo dietro... Granger e io eravamo migliori amici." La sera del 29 novembre 1980, il 32enne Granger Taylor ha lasciato uno strano messaggio ai suoi genitori prima di sparire dalla loro fattoria a Duncan, una cittadina nel sud dell'Isola di Vancouver, in Canada.

 

Foto per gentile concessione di Grace Anne Young.



Il messaggio diceva:
"Cari mamma e papà,
Me ne sono andato per imbarcarmi su una navicella aliena, poiché alcuni sogni ricorrenti mi hanno assicurato che sto per compiere un viaggio interstellare di 42 mesi per esplorare il vasto universo, e poi tornare. Vi lascio tutto quello che possiedo, dato che non mi servirà nulla. Per favore usate il mio testamento come guida.
Con amore, Granger."

 

Granger Taylor. Foto per gentile concessione di Grace Anne Young.



Nel suo testamento, Taylor aveva barrato la parola "morte" e l'aveva sostituita con "partenza". Secondo il giornale locale The Time Colonist sul retro del messaggio c'era disegnata una mappa. Il significato non è ancora stato scoperto. Lo stesso articolo sostiene che Taylor è stato visto per l'ultima volta a una tavola calda nei dintorni, il Bob's Grill, intorno alle 6.30 di pomeriggio. Poco dopo, è scomparso. La polizia si è messa in moto per cercarlo, ma né Taylor né il suo pick-up Datsun rosa acceso sono mai stati trovati. "Almeno la macchina ci aspettavamo di trovarla," ha dichiarato Mike Demchuk della Royal Canadian Mounted Police (RCMP) al giornale locale. "Non è possibile sbarazzarsi di una cosa così grande senza che nessuno se ne accorga." Il messaggio di Taylor è stato per molti una sorpresa, ma quelli che lo conoscevano sapevano bene anche quanto era ossessionato da alieni e spazio. Prima di sparire, questa ossessione era cresciuta al punto che Taylor aveva deciso di costruire una replica in dimensioni reali di una navicella spaziale alla fattoria dei suoi, ed a volte ci dormiva dentro. Robert Keller, amico di Taylor, ci ha detto, "Sognava spesso che gli alieni venivano a prenderlo."

 

La sorella di Taylor controlla l'ala del velivolo. Foto per gentile concessione di Grace Anne Young.



Granger Ormond Taylor era nato il 7 ottobre 1948 sull'Isola di Vancouver. La sua infanzia è segnata dalla tragedia, quando era solo un bambino suo padre era annegato in un incidente vicino alla casa di famiglia a Horn Lake. Taylor era diventato un omone. Forte e robusto, nelle foto degli album di famiglia lotta con gli amici. Comunque, la sua personalità era totalmente opposta a quello che la sua imponenza avrebbe fatto credere. Taylor era timido e tranquillo. Alcuni pensavano fosse un eccentrico. Taylor aveva lasciato la scuola alle medie e aveva cominciato a lavorare in un'officina meccanica locale, i motori lo affascinavano. Tutti si sono presto accorti della sua incredibile abilità di aggiustare qualsiasi cosa. Da adolescente, Taylor aveva rimesso in piedi una macchina monocilindrica e pimpato un bulldozer per aiutare i vicini con le costruzioni e i lavori di ogni tipo. Ha restaurato una vecchia locomotiva a vapore che aveva trovato nella boscaglia, e che alla fine era stata esposta nel BC Forest Discovery Centre a Duncan. Una delle sue opere migliori è stata il restauro di un Kitty Hawk II P-40 della Seconda guerra mondiale, che ha poi venduto a un collezionista per decine di migliaia di dollari.

 

Foto dell'autore.



"Secondo me, era un genio", ha detto Keller, che aveva aiutato Taylor con il Kitty Hawk. Keller ci ha detto che lui e Taylor si erano incontrati grazie a un hobby in comune: l'erba. E una delle conversazioni che uscivano più spesso quando erano fatti era sullo spazio e gli alieni. "Mi aveva preso sotto la sua ala", dice Keller. Come Taylor, anche Keller non si era trovato bene a scuola e aveva lasciato presto. Quasi subito si è formato un forte legame tra i due. Per Keller, passare il tempo con Taylor era divertente. Ma Taylor prendeva sul serio il suo lavoro, "Penso che fosse un genio, di quelli molto vicino alla follia", ha aggiunto Keller. La popolarità degli UFO, degli alieni e dello spazio ha avuto un forte boom negli anni Quaranta e Cinquanta. Durante la Seconda guerra mondiale i piloti affermavano di vedere grandi palle di luce, che più tardi sono state definite "foo fighter", in cielo; la loro presenza era inspiegabile (in seguito gli esperti hanno pensato fossero fenomeni legati all'elettrostatica, all'elettromagnetismo e/o alla luce riflessa, altri invece hanno suggerito che fossero tutta un'invenzione di piloti in stato psicologico alterato). Dopo la guerra ci sono stati molti famosi casi di presunti avvistamenti UFO e rapimenti alieni. Uno degli esempi più noti è quello del 1947, quando si diffuse la notizia che una navicella aliena si era schiantata vicino a Roswell, in New Mexico (più tardi si è scoperto che era un pallone sonda dell'Air Force americana, o almeno così il governo ha dichiarato). Nel 1961 una coppia, Barney e Betty Hill, hanno sostenuto di essere stati rapiti dagli alieni nelle campagne del New Hampshire. Nel 1976, due piloti di caccia iraniani hanno, pare, perso il contatto strumentale e le possibilità di comunicazione con la terra mentre volavano sopra Tehran. I piloti hanno parlato di "luci potenti nel cielo", e si è pensato che fosse colpa di un UFO. Alla fine degli anni Settanta, gli UFO e gli alieni erano ormai un fenomeno culturale diffuso, che trovava conferma anche in film hollywoodiani come "Incontri ravvicinati del terzo tipo", "Star Wars" e "Star Trek".

 

Foto per gentile concessione di Grace Anne Young.



È stato allora che Taylor ha detto a Keller che voleva costruire una navicella spaziale. Keller ci ha detto che Taylor ha passato un anno intero a mettere insieme una replica di dimensioni reali di una navicella con i materiali che hanno trovato in discarica. Nel suo libro ha descritto l'interno del velivolo: "Ha costruito la navicella con due parabole e l'ha dotata di una TV, un divano, una stufa a legna. È diventato ossessionato dallo scoprire come erano equipaggiati i dischi volanti, passava ore nella sua navicella e spesso ci dormiva anche." Il Time Colonist ha anche riportato che circa un mese prima della sua scomparsa, Taylor aveva detto all'amico Bob Nielson di essere in diretto contatto con gli alieni. "Sta lì sdraiato ed entra in comunicazione mentale con qualcuno da un'altra galassia... Non riesce a vederli... Ma loro parlano alla sua mente." Nielsen ha aggiunto che molti pensavano che Taylor stesse sognando. Potrebbe non sorprendervi, ma secondo i famigliari, nei mesi precedenti alla sua scomparsa Taylor si era fatto spesso di acidi. "Ne prendeva anche più di uno al giorno negli ultimi mesi", ha detto Grace Anne Young, la sorella di Taylor. E anche una lettera scritta dalla cugina di Granger Jaclyn Sandiford alla madre di lui sembra confermare: "[Gli amici di Granger] mi hanno detto che Granger ha fatto uso di un bel po' di LSD quest'estate ma che non ha avuto esperienze negative o effetti collaterali. Hanno detto che parlava spesso di essere in contatto con gli alieni, di avere con loro anche un contatto mentale. Hanno detto che lui ne era così convinto che ha convinto anche loro. Uno o due giorni prima di partire, ha detto loro che stava per andarsene... Sembrano tutti abbastanza in pace con il fatto che abbia fatto quello che aveva detto di voler fare. Aveva fama di grande onestà, e dopotutto, lo penso anche io," ha scritto.

 

Foto dell'autore.



Nel marzo 1986, quasi sei anni dopo la scomparsa di Taylor, le guardie forestali hanno trovato i resti di un'esplosione vicino a Mount Prevost, non lontano dalla casa dei genitori di Taylor. Secondo la Montreal Gazette, sulla scena sono stati ritrovati anche frammenti di ossa umane. "Fino alla scoperta di ulteriori prove, la polizia pensa che siano le ossa di Taylor", dice l'articolo. Secondo lo stesso, Taylor aveva portato con sé della dinamite che aveva usato per far saltare gli alberi e l'auto, con lui sopra. La scientifica ha dichiarato che, a giudicare dalle prove ritrovate sul sito dell'esplosione, Taylor era morto. Ha concluso che Taylor trasportava dinamite nel suo furgone e che a un certo punto, di proposito o per errore, la dinamite è esplosa. Keller ha detto che spesso Taylor trasportava dinamite per far saltare gli alberi (era allora un metodo abbastanza comune). Keller ha aggiunto che Taylor aveva maneggiato esplosivi in centinaia di occasioni e sapeva bene come farlo.

 

Foto di Grace Anne Young.



Da tutte le prove raccolte dalla scientifica, pare che Taylor sia morto in un'esplosione. Comunque, i motivi per cui è scappato da casa e dagli amici quella notte non sono ancora chiari. La sorellastra di Taylor, Joan Mayo, pensa che sia stato spinto dalla solitudine. "Aveva un modo tutto suo di fare le cose... Era diverso", ha detto a VICE. Mayo organizzava spesso feste a cui ora rimpiange di non aver invitato Taylor più spesso: "Quando ci ripenso, mi sento in colpa... Mi dispiace non averlo fatto sentire incluso." Ma sua sorella Grace Anne Young pensa che anche gli acidi abbiano qualche colpa. Forse sono stati gli acidi a fargli perdere la concezione di quello che era vero e quello che era inventato? Uno dei suoi ultimi ricordi di suo fratello è che lui le aveva chiesto di poter stare con lei e le sue coinquiline a Vancouver. Lei gli aveva risposto che le sue coinquiline non avrebbero voluto.

 

Foto dell'autore.



"Forse se l'avessi lasciato venire, non l'avrebbe fatto... Non si sarebbe fatto saltare in aria", dice. Keller però non crede che Taylor si sia suicidato. "Mentre costruivamo la navicella, Taylor mi diceva che se avesse voluto scomparire avrebbe solo dovuto farsi crescere la barba e trasferirsi in un altro paese, e nessuno avrebbe mai saputo chi era", dice. Keller sottolinea anche che la timidezza di Taylor l'aveva reso una vittima del bullismo. E anche se era un uomo grande e forte, Taylor non era mai ostile con le persone che incontrava. In sostanza, per Keller è stata la lotta di Taylor per essere accettato che l'ha spinto a voler scomparire.

 

Foto per gentile concessione di Grace Anne Young.



La perdita di Taylor ha avuto un forte impatto sulla vita di Keller: "È stato come perdere un fratello, un padre. Il pensiero che non ci fosse più ha rischiato di uccidermi. Granger era il mio mentore; se sono come sono è grazie a lui." Ad oggi, nessuno è davvero certo di cosa sia successo a Taylor. Ci sono voci secondo cui il suo corpo è stato ritrovato impiccato a un albero non lontano dal sito dell'esplosione, mentre altri pensano che abbia cominciato una nuova vita in Sud America. Ma altri ancora si sono dati alle teorie della cospirazione. I siti sugli UFO , tipo Mysterious Universe , hanno tirato fuori una quantità inimmaginabile di teorie: che gli alieni abbiano fatto esplodere la sua macchina perché si pensasse che si era suicidato, e che invece lui abbia intrapreso un viaggio di sola andata per lo spazio; che lui abbia usato la dinamite come propulsore per lanciarsi nello spazio; o che, a causa del suo genio, sia stato reclutato da un'agenzia di spionaggio. La verità è che nessuno lo sa. Ma se lo spazio e il tempo sono davvero relativi, forse Taylor è sulla strada di casa, alla ricerca del posto perfetto per fare atterrare la sua navicella.

Tyler Hooper

Fonte: http://www.vice.com

 


 

Questo codice QR qui sotto è un link che porta a questa specifica pagina web, all'interno di questo sito. Il codice dentro l'immagine quadrata viene interpretato da apposite applicazioni per smartphone, e da altri software, portando direttamente alla pagina che state consultando ora.
Qr Code
1276605
OggiOggi385
IeriIeri1285
Questa settimanaQuesta settimana4258
Questo meseQuesto mese15697
Dall'inizioDall'inizio1276605