Émile Driant (1855-1916) e' stato un personaggio importante della sua epoca, capace di influenzare con i suoi racconti l'immaginario militare e strategico di molti paesi attraverso quasi 7.000 pagine di storie di ipotetiche guerre future. Mori' nella battaglia di Verdun durante la prima guerra mondiale, un conflitto cosi' simile ad alcuni dei suoi libri.

 

 

Durante il 1888 Driant iniziò a scrivere le prime novelle della sua guerre imaginaire ("guerra immaginaria"), che pubblicò poi con lo pseudonimo di "Capitaine Danrit". Tra queste ricordiamo La Guerre de demain ("La guerra di domani"), che comprende tre storie La Guerre en forteresse ("La guerra nella fortezza"), La Guerre en rase campagne ("La guerra in aperta campagna") e La Guerre en ballon ("La guerra in mongolfiera").

Driant dava ai suoi lettori episodi eroici su cui appassionarsi con grandi vittorie in particolare contro i tedeschi che già erano sentiti come gli avversari della Francia. Giunto ad un totale di 1192 pagine, scrisse la Guerre fatale: France-Angleterre ("La guerra fatale: Francia-Inghilterra", 1902), con la sconfitta totale del Regno Unito ad opera della Francia.

La critica francese dell'epoca lodò per la maggior parte l'opera di Driant dicendo che attraverso di lui emergeva "l'eroe nazionale della Francia", a tal punto che il governo francese nel 1956 gli dedicò un francobollo per la sua opera di nazionalizzazione, Yvert et Tellier #1052).

Poco dopo l'inizio della Prima guerra mondiale nel 1914, Driant venne richiamato all'esercito col rango di Capitano. Egli venne promosso subito Luogotenente colonnello e gli venne affidato il comando di due battaglioni di fanteria, il 56° ed il 59° di riserva. Egli mantenne ad ogni modo il proprio incarico al parlamento, venendo così coinvolto nella progettazione dei disegni di legge per la creazione della Croix de Guerre.

Durante il dicembre del 1915 criticò Joseph Joffre per aver rimosso i cannoni dalle fortezze di Toul e Verdun per rafforzare altre aree, sguarnendo così parte del fronte orientale. Malgrado il supporto del ministro della guerra Joseph Gallieni, il progetto per riportare i cannoni al loro posto fallì.

I timori di Driant vennero comprovati il 21 febbraio 1916 quando l'esercito tedesco attaccò in massa l'area di Verdun con una scarsa opposizione da parte delle truppe francesi. Fu del resto Driant ad occuparsi direttamente della difesa disperata del Bois des Caures presso Flabas, consentendo così ai francesi di inviare adeguati rinforzi in quel settore. Durante l'ultima parte del pomeriggio successivo, Driant ordinò ai sopravvissuti di ritirarsi e durante questo atto egli stesso venne ucciso. La sua fama era ormai alle stelle e ovunque venne acclamato come eroe nazionale, una festività che ancora oggi viene commemorata annualmente il 21 febbraio.

Il suo corpo venne inizialmente sepolto dai tedeschi, che scrissero anche alla sua vedova per assicurarle che aveva ricevuto i pieni onori militari, per poi essere rinterrato dai francesi quando costruirono presso il Bois des Caures il memoriale a lui ed ai suoi battaglioni.

Onorificenze francesi
Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore
Ufficiale de l'Ordre des Palmes académiques
Croix de Guerre francese del 1914-1918

Onorificenze straniere
Commendatore dell'Ordine Imperiale di San Stanislao (Impero di Russia)
Commendatore dell'Ordine di Nichan Iftikar (Impero Ottomano)
Ufficiale dell'Ordine Reale della Cambogia
Ufficiale dell'Ordine del Dragone di Annam
Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia (Regno d'Italia)
Cavaliere dell'Ordine di Sant'Alessandro (Bulgaria)

Fonte: http://it.wikipedia.org






Promosso tenente nel 1883 nel reggimento di fanteria 43 fu inviato a Tunisi, dove il generale Boulanger (allora governatore generale della Tunisia) lo nominò Ufficiale Ordinanza e gli diede la mano di sua figlia Marcelle in matrimonio. Promosso Capitano nel 1886 ha seguito Boulanger (che era stato poi nominato ministro della guerra) a Parigi. Preferendo l'azione alle questioni politiche Driants era tornato a Tunisi per mettere su casa a Cartagine, dove si trasferì nel circolo cattolico del cardinale Lavigerie, allora Primate d'Africa. Driant utilizzo' questa pausa nella sua carriera per scrivere sotto lo pseudonimo di Danrit. Il successo era imminente per la sua serie di romanzi: La guerre de demain, La guerre de forteresse, La guerre en rase campagne, La guerre Souterraine, L'invasione noire, Robinsons sous-marins e L'aviateur du Pacifique, ecc. ecc. Insieme con Louis Boussenard e Paul d'Ivoi il "capitano Danrit" è stato uno degli scrittori principali del Journal des Voyages. I suoi racconti sono ispirati allo stile del romanzo d'avventura di Verne, ma raccontata attraverso la sconfitta di Sedan del 1871 e l'espansione coloniale francese. La scoperta del mondo e delle sue meraviglie evocavano le forze che potevano essere utilizzate e le minacce da evitare. Le macchine straordinarie, che per Verne aveva permesso viaggiare attraverso l'aria e attraverso il mare, ora erano principalmente i veicoli di guerra per distruggere il nemico. Il suo lavoro è tipico del romanzo d'avventura coloniale del 19 ° secolo, più specificamente del modo di pensare nel corso degli anni precedenti la Prima Guerra Mondiale. Nei suoi scritti, una grande quantità di tempo è stato dedicato all'esercito. Ha confermato la sua ammirazione per i grandi uomini e la sua diffidenza dei membri del parlamento. Driant rispecchiava l'opinione pubblica generale, ossessionato dalla minaccia di guerra. Ha inoltre seguito le discussioni quotidiane sulla stampa, sempre consapevoli di incidenti internazionali (Fachoda nel 1898 e la crisi marocchina fornito il quadro narrativo per L'Alerte nel 1911), e del rischio di disordini che hanno portato in se stessi e l'ossessione del declino della Francia e dell'Europa. Così nel suo racconto L'invasione sono gli americani, avidi capitalisti, che permettono ai paesi asiatici di armarsi, vendendo loro armi e munizioni. Ha anche immaginato come le armi di quel tempo potrebbero essere utilizzate in gran numero in una guerra mondiale: gas mortali, aerei, sottomarini... Il ruolo di ogni invenzione è considerata utilizzando la prospettiva di una offensiva su larga scala. Richiamato in Francia, questo "idolo del soldato" è stato nominato l'istruttore a Saint-Cyr nel 1892, crogiolandosi nel bagliore del suo prestigio militare come autore e visionario: i suoi scritti prevedono la guerra di trincea.

Nonostante il suo brillante stato di servizio, il nome di Driant non era sulla lista per la promozione.

Sconfitto alle elezioni in Pontoise nel 1906 dal liberale Ballu collaboro' con il giornale L'Eclair, in cui ha pubblicato una serie di diatribe anti-parlamentari. Decide di fare un viaggio in Germania. Come risultato delle sue osservazioni sulle grandi manovre in Slesia, ha pubblicato un libro dal titolo premonitore, Vers un nouveau Sedan, la cui conclusione è stata molto eloquente: "una guerra che avvenisse domani contro la Germania sarebbe stata una guerra disastrosa. Vorremmo sconfitti come nel 1870, solo più prevedibilmente rispetto al 1870 ".

Testate nei combattimenti in Gercourt (un villaggio nella Mosa che Driant riprese dai tedeschi) le sue truppe non hanno preso parte alla prima battaglia della Marna, ma erano responsabili di difendere il settore Louvemont. "Driant Padre", ha saputo ascoltare i suoi cacciatori, distribuire le migliori sigarette e sigari ed ha partecipato di persona ai funerali dei suoi eroi al cimitero Vacherauville. Un membro della Commissione dell'Esercito, è stato responsabile per il disegno di legge che ha portato alla creazione della Croce di Guerra nella primavera del 1915. E' stato lui in particolare che ha annunciato l'imminenza dell'offensiva tedesca su Verdun e la mancanza di risorse umane e delle attrezzature, il 22 agosto, in una lettera indirizzata al Presidente della Camera, Paul Deschanel: "pensiamo qui che il martello colpirà insieme una linea da Verdun a Nancy ... Se i tedeschi sono disposti a pagare per questo, e hanno dimostrato che sono capaci di sacrificare 50.000 uomini ad occupare una zona." Nonostante una visita di parlamentari, un'ispezione da Castelnau nel mese di dicembre 1915 e una domanda posta al Joffre dal ministro della Guerra, Galliéni, nulla è stato fatto.

Il 21 febbraio 1916, mentre l'esercito del Reich aveva concentrato la sua azione sul settore di Verdun, solo Driant con 1.200 uomini e 14 batterie resse di fronte all'attacco tedesco di 10.000 soldati e 40 batterie. Resistette eroicamente per più di 24 ore e subi' perdite pesanti, permettendo ai rinforzi per arrivare e mantenere la linea del fronte. La posizione del des bois Caures, tenuto da Driant e i suoi uomini, è stato colpito da cannoni di 150, 210 e 300 mm per due giorni. Il 22 febbraio ,a mezzogiorno, i tedeschi lanciarono un assalto contro le posizioni dei cacciatori. Usando Granate e lanciafiamme infine hanno superato la resistenza francese. Driant diede l'ordine di ritirarsi a Beaumont dove Driant è morto all'età di 61.

Fonte: http://www.cheminsdememoire.gouv.fr

 

Questo codice QR qui sotto è un link che porta a questa specifica pagina web, all'interno di questo sito. Il codice dentro l'immagine quadrata viene interpretato da apposite applicazioni per smartphone, e da altri software, portando direttamente alla pagina che state consultando ora.
Qr Code
613216
OggiOggi571
IeriIeri995
Questa settimanaQuesta settimana1566
Questo meseQuesto mese22411
Dall'inizioDall'inizio613216