Ci risiamo… Ecco un’altra scoperta delle neuroscienze che si presta a essere interpretata in modi opposti da spiritualisti e materialisti. In uno studio pubblicato nella rivista Nature Neuroscience da un gruppo di ricercatori coordinati da Costas Anastassiou del Californian Institute of Technology (Caltech) negli Stati Uniti, è stato osservato che dei campi energetici molto deboli, dell’ordine di un microvolt per millimetro, modificano l’attivazione di singoli neuroni aumentandone il sincronismo. Sappiamo che i neuroni nel cervello comunicano a livello biochimico mediante collegamenti fisici chiamati sinapsi.

 

 

Tuttavia, i neuroscienziati hanno trovato solide prove che i neuroni comunicano tra loro anche mediante deboli campi elettrici.

Non si sapeva nulla riguardo a questi deboli campi poiché essi sono troppo deboli per poter essere misurati a livello dei singoli neuroni. Perciò i ricercatori hanno deciso di determinare se questi deboli campi hanno qualche effetto sui neuroni. Non è stato un compito facile. Degli elettrodi estremamente piccoli sono stati usati a brevissima distanza in un gruppo di neuroni di ratto riuscendo così a misurare dei campi debolissimi che, modificando in modo netto l’attivazione dei singoli neuroni, aumentano la cosiddetta “spike-field coherence”, il sincronismo con cui i neuroni si attivano in relazione al campo.

“Io credo fermamente che la comprensione dell’origine e della funzionalità dei campi cerebrali endogeni porterà a molte rivelazioni riguardanti l’elaborazione delle informazioni a livello dei circuiti, che, secondo me, rappresenta il livello in cui hanno origine percezioni e concetti,” ha detto il dott. Anastassiou. E su questo possiamo dirci sostanzialmente d’accordo. Ma l’articolo si chiude con: “Questo, a sua volta, ci porterà a indagare come la biofisica crea la cognizione in modo meccanicistico, e questo, io ritengo, rappresenta il sacro Graal della neuroscienza.”

Su questo non sono assolutamente d’accordo. Pur ammettendo che questa sia una scoperta che ci potrebbe aiutare a capire come la biofisica crea la cognizione, a me sembra dimostrare esattamente il contrario, perché questi campi energetici tolgono alla sequenza delle azioni sinaptiche proprio il meccanicismo che deriva dalla consequenzialità rilevata in sede locale e introducono un parallelismo attuativo e interpretativo delle connessioni che, rispondendo a fattori energetici, i cui effetti sono ancora da esplorare, lasciano aperta la domanda sulla natura di quella che chiamiamo “spiritualità” con le sue intuizioni, emozioni, astrazioni, trascendenza… Che nulla hanno a che fare con il meccanicismo riduzionista, e magari emergono proprio grazie a questi campi.

Francesco Pelillo

Fonte: http://www.neuroscienze.net

 


 

Questo codice QR qui sotto è un link che porta a questa specifica pagina web, all'interno di questo sito. Il codice dentro l'immagine quadrata viene interpretato da apposite applicazioni per smartphone, e da altri software, portando direttamente alla pagina che state consultando ora.
Qr Code
723261
OggiOggi372
IeriIeri1375
Questa settimanaQuesta settimana1747
Questo meseQuesto mese29883
Dall'inizioDall'inizio723261