L'ufologia indipendente ha bisogno di saper agire in modo coordinato per fini comuni ed eventuali progetti importanti (comprese le emergenze), per questo gia' nel 2018 l'Ansu propose e poi organizzo' uno skywatch congiunto con diverse associazioni ufologiche e con singoli ricercatori che non aderiscono a nessun gruppo, per leggere il report premere qui . Per una serie di impegni nella vita reale di alcuni ufologi, e per evitare di sovrapporsi allo skywatch nazionale indetto dalla Federazione Ufologica Italiana per il 10 agosto 2019, si dovette indire questa osservazione-esercitazione per la sera del 4 agosto 2019, dalle ore 21:00 alle ore 24.00.

 

 

Qui sopra vedete le previsioni meteo per la sera del 4 agosto 2019 che si potevano consultare online 4 giorni prima, e mostravano una situazione molto favorevole per le osservazioni coordinate del cielo da molte parti del territorio nazionale. Questa previsione facilito' la scelta della data gia' indicata, ma come potete vedere qui sotto quando si arrivo' al giorno convenuto le previsioni per la stessa sera erano ovviamente mutate, e meno favorevoli. Questo dettaglio e' segnalato per eventuali riflessioni operative da parte di chi leggera' questo report.

 

 

Prontezza operativa non e' solo un termine dei militari, ma e' un principio operativo che anche l'ufologia italiana deve considerare. Infatti gli ufo sono imprevedibili ed un evento di enorme portata puo' avvenire in qualsiasi momento, nella piu' totale sorpresa. Per questo l'Ansu ha sempre pronto all'uso un suo quartier generale virtuale, cosi' da poter passare velocemente dalla calma di un giorno qualsiasi alla coordinazione nazionale di un'operazione complessa, vedete nell'immagine qui sopra l'impostazione del conto alla rovescia 4 giorni prima dell'avvio dell'osservazione congiunta. L'attivazione dello skywatch inter-associazionistico del 4 agosto 2019 e' stata facilita' anche dall'esistenza su Telegram della chat dedicata a questi eventi, dove sono presenti dal 2018 diversi interessati di alcune associazioni (tra i "sempre presenti" ci sono i leader di alcuni gruppi ufologici) e vari ricercatori indipendenti. E' stato cosi' facile e veloce aggiungere i nuovi interessati che hanno voluto unirsi a questo skywatch estivo del 2019. L'organizzazione a monte e preventiva e' la chiave del successo. L'uso della rete Telegram (simile a Whatsapp, ma piu' potente) era di nuovo obbligatorio, e lo skywatch nazionale era svolto solo da chi era presente nella chat riservata destinata a questa operazione, impedendo l'accesso a sconosciuti, sabotatori o soggetti dubbi. Non c'erano zone geografiche particolari da raggiungere, ogni partecipante poteva osservare il cielo da dove voleva, anche da eventuali localita' di villeggiatura.

 

 

Questa volta i partecipanti si trovarono la novita' di poter avere, nelle chat di Telegram, anche un sistema gratuito che mostrava su mappe dove si trova esattamente la Stazione Spaziale Internazionale. Infatti la I.S.S. viene talvolta confusa con gli ufo, e questa nuova risorsa operativa aveva la sua utilita' potenziale.

 

 

Come nello skywatch del 2018 nella chat riservata era possibile far apparire mappe interattive, dati meteo, immagini satellitari ed altre informazioni utili. Se state leggendo questa pagina web da un monitor grande (per esempio di un computer o di un tablet) potete apprezzare qui sotto alcuni comandi che importano i dati da fonti terze dentro la discussione della chat.

 

 

Il Centro Appassionati Ufo (C.A.U) ha vantato una partecipazione notevole a questa esercitazione inter-associazionistica nazionale dell'ufologia indipendente. Il loro leader Tiberio Guglielmi era presente nella chat organizzativa ed operativa dello skywatch.

 

 

L'avvicinarsi dell'avvio dello skywatch nazionale era interessato anche dalla condivisione di dati tra il quartier generale virtuale dell'Ansu (compreso il suo conto alla rovescia) e la chat operativa su Telegram. Ecco il tema dell'esercitazione (di fantasia, per aumentare la suspence ed il divertimento): "Dopo diversi mesi in cui l'attivita' ufo nel mondo era insolitamente alta, ci fu' un picco ancora piu' grande di avvistamenti che mise in allarme l'intero pianeta, tanto che si disse nei telegiornali che era come sei i cieli fossero stati pieni di ufo. Come avvenne durante l'11 Settembre, nessuno dimentichera' mai dove si trovava quando arrivo' la notizia, da una citta' cinese, che strani esseri e strani oggetti volanti la stavano attaccando, provocando morte e panico. L'assalto sembro' una sorta di azione dimostrativa, e non venne seguita da un'invasione mondiale o da un attacco generale. Intanto che il panico dilago' nel mondo intero i gruppi ufologici italiani vicini alle istituzioni ed ai militari avviarono una loro azione nazionale di controllo del cielo. Alcuni gruppi ufologici ed alcuni ricercatori dell'ufologia indipendente, volendo sia collaborare alla difesa del paese sia cercare di capire se si fosse trattato solo di una sorta di falsa invasione aliena mediante ologrammi, robot e droni, varo' un'osservazione parallela ed indipendente dei cieli italiani."

 

 

Gli avvisi di Ansunet Bot hanno aiutato la sincronizzazione operativa dell'operazione, grazie alla sua capacita' di interagire sia con il portale Ansuitalia che con le chat su Telegram. Come potete vedere qui sotto Ansunet Bot ha inviato in automatico il messaggio di avvio dello skywatch nazionale, ma purtroppo con un minuto di anticipo. Serve qualche manutenzione futura...

 

 

Dopo i vari messaggi iniziali, in cui e' stato indicata la propria posizione geografica e situazione e visibilita' del cielo, il Presidente dell'Ansu Antonio Scarano ha lasciato che le persone si mettessero a loro agio per poi mandare un suo messaggio di benvenuto, di ringraziamento per la partecipazione e di saluto che trovate qui sotto.

Se vedete l'immagine qui sotto con un monitor grande potete distinguere dei particolari della postazione di osservazione del Presidente Ansu, a parte la "testa" del finto alieno (soprannominato Gian) nel computer di destra partecipa alla discussione dentro la chat riservata di Telegram, con il computer di sinistra utilizza il quartier generale virtuale dell'Ansu dentro questo stesso portale. E' stato Antonio Scarano a dirigere l'intero evento nazionale, valutando capacita' operative, difetti da risolvere e la situazione organizzativacomplessiva.

 

 

 

Non e' mancato di avere delle segnalazioni nello stesso periodo di tempo, alcuni membri dell'Ansu della Toscana hanno potuto valorizzare la loro vicinanza geografica per osservare in modo coordinato gli stessi "bersagli" di studio.

 

 

Naturalmente piu' che misteri si e' trattato di verificare che alcune luci erano aerei, oppure meteoriti.

 

 

Gianfranco Barbuti dell'Ansu ha condiviso una foto della sua postazione.

 

 


Durante lo skywatch nazionale indetto dall'Ansu, la sera del 4 agosto 2019, l'iscritto Ansu Gianfranco Barbuti ha filmato verso le ore 22:30 circa la luce che vedete qui sopra. Proponiamo il video solo a scopo conoscitivo, ovviamente siamo in grado di valutare da soli di cosa si tratta esattamente. L'oggetto sembrava essere una sfera in movimento da ovest verso est, non emetteva rumore e presentava una velocita' costante.

 

 

Report redatto dal Webmaster dell'Ansu, in collaborazione con altri convenuti all'evento in oggetto.

 


 

Questo codice QR qui sotto è un link che porta a questa specifica pagina web, all'interno di questo sito. Il codice dentro l'immagine quadrata viene interpretato da apposite applicazioni per smartphone, e da altri software, portando direttamente alla pagina che state consultando ora.
Qr Code
835604
OggiOggi240
IeriIeri651
Questa settimanaQuesta settimana6811
Questo meseQuesto mese23108
Dall'inizioDall'inizio835604