La fantascienza ha da tempo immaginato che gli esseri umani potrebbero trasformare ostili mondi alieni in vivibili, una procedura nota come terraformazione. Per esempio, per colonizzare Marte, gli scienziati hanno suggerito il riscaldamento del pianeta rosso e l’ispessimento della sua atmosfera straordinariamente sottile in modo che gli esseri umani possono vagare per la sua superficie senza dover indossare tute spaziali. A tale scopo, si prevede di terraformare Marte coinvolgendo grandi quantità di gas ad effetto serra per intrappolare abbastanza calore dal Sole, costringendo il biossido di carbonio congelato sulla superficie del pianeta di trasformarsi in gas.

 

 

Se gli esseri umani un giorno potranno terraformare i pianeti, alieni con una tecnologia più avanzata potrebbero averlo già fatto. Se questo è il caso, gli astronomi possono cercare i segni rivelatori di tali modifiche per rivelare che la vita intelligente extraterrestre esiste.

“La nostra ipotesi è che la prova di vita intelligente potrebbe essere evidente in un’atmosfera planetaria“, ha dichiarato l’astrobiologo Mark Claire presso lo Space Blue Marble Institute of Science, una rete no-profit di scienziati di tutto il mondo.

Un gruppo di gas che potrebbe essere la chiave per terraformare i pianeti sono i clorofluorocarburi (CFC). Queste non tossiche, longeve sostanze chimiche sono forti gas a effetto serra e una volta erano spesso utilizzati nei condizionatori d’aria e spray per capelli, tra molti altri prodotti.

I CFC sono del tutto artificiali, senza alcun processo naturale conosciuto in grado di crearli in atmosfere. Rilevare i segni di questi gas in mondi lontani con i telescopi potrebbe servire come prova potente che civiltà aliene intelligenti sono state la causa, intenzionalmente come parte di terraforming o accidentalmente attraverso l’inquinamento industriale .

“Una civiltà industrializzata utilizza le risorse planetarie per la fabbricazione, ed è presto rilevabile dalla terra con i loro sottoprodotti atmosferici di cui potrebbe essere un segno rivelatore della loro attività“, ha detto l’astrobiologo Sanjoy Som del Space Blue Marble Institute of Science.

I telescopi attualmente in uso che ci hanno aiutato a scoprire centinaia di pianeti extrasolari fino ad ora dovrebbero contribuire a rilevare altri centinaia al più presto. Gli osservatori futuri potrebbero analizzare le atmosfere di questi mondi, e i CFC dovrebbe essere facili da vedere, perché il modo in cui assorbono la luce è molto diverso da sostanze chimiche presenti in natura.

“Siamo sul punto scientifico di essere in grado di cercare attivamente mondi extrasolari abitati da civiltà tecnologiche,” Som ha detto. “Siamo circa un decennio di distanza di essere in grado di misurare composizioni dettagliate delle atmosfere dei pianeti extrasolari.”

Utilizzando modelli computerizzati della chimica dell’atmosferica e del clima, i ricercatori prevedono di scoprire segni visibili di CFC e di altri sottoprodotti artificiali di terraforming alieno che potrebbero avere le atmosfere dei pianeti extrasolari.

“Noi quindi verifichiamo se queste caratteristiche sono rilevabili a distanze interstellari, calcolando per simulare la qualità del segnale della prossima generazione di telescopi», spiega Claire.

In tutto il mondo gli scienziati potrebbero quindi utilizzare questi dati per vedere se uno dei pianeti extrasolari finora scoperti come prova di queste “technosignatures.”

“Questa proposta SETI in cerca di chimica atmosferica piuttosto che di altri technosignatures proposte in precedenza, come i segnali radio o impulsi fasci di luce.»

Claire ha aggiunto che l’esafluoruro di zolfo è un’altra molecola industriale e di gas a effetto serra che potrebbe servire come technosignature. Le technosignatures possono includere quantità insolitamente elevate di ammoniaca o anidride carbonica, se osservate al fianco di gas come ossigeno e vapore acqueo, che sono spesso pensati essere segni comuni della vita, Som ha detto.

I ricercatori stanno cercando i soldi per il loro progetto di avvio da parte del pubblico attraverso l’organizzazione PetriDish . Essi sperano di raccogliere 24 mila dollari dal 9 gennaio 2013.

“Questo progetto si sposta in avanti solo se è finanziato. Invitiamo il pubblico a partecipare ed essere inseriti nelle nostre avventure con lo stanziamento di una piccola somma di denaro per i nostri sforzi”, ha detto Som. “Siamo una piccola organizzazione non-profit con una forte enfasi nella comunicazione della scienza. Tutte le donazioni sono deducibili dalle tasse!”

Questa ricerca potrebbe anche aiutare gli astrobiologi a scoprire i segni di un’intelligenza aliena al di fuori della cosiddetta zona abitabile dove la caccia di vita extraterrestre è spesso più focalizzata. C’è vita praticamente ovunque ci sia acqua allo stato liquido sulla Terra, zone così abitabili sono spesso considerati come le zone intorno alle stelle dove l’acqua liquida possono persistere sulla superficie di un pianeta, visto che le temperature non sono né troppo calda né troppo fredda.

“Artificialmente riscaldando un corpo al di fuori della zona abitabile per renderlo abitabile potrebbe anche essere una spia segno di intelligenza,” Som ha detto. “Per esempio, si supponga che in poche migliaia di anni, gli esseri umani hanno terraformato Marte. Supponiamo che una specie aliena sta osservando il nostro sistema solare e trova la Terra. Inoltre, misura la composizione atmosferica di Marte, un pianeta essenzialmente al di fuori della zona abitabile del nostro sole, e trova elevata concentrazione di gas serra, oltre al vapore acqueo e ossigeno. Questi due pianeti del sistema sarebbero un segnale forte per loro di una civiltà intelligente al di fuori del loro pianeta d’origine. “

Questa potrebbe essere la prima indagine scientifica di ciò che un pianeta terraformato potrebbe sembrare da lontano, e potrebbe essere un nuovo strumento per la ricerca di intelligenza extraterrestre (SETI). Va da sé che, se questi sforzi aiutano a scoprire vita aliena intelligente, “le conseguenze saranno enormi, in quanto provocheranno una rivalutazione importante di ciò che significa essere umano”, ha detto Som.

Di Charles Q. Choi

Fonte: http://www.astrobio.net

Tratto da: http://phys.org


 

Questo codice QR qui sotto è un link che porta a questa specifica pagina web, all'interno di questo sito. Il codice dentro l'immagine quadrata viene interpretato da apposite applicazioni per smartphone, e da altri software, portando direttamente alla pagina che state consultando ora.
Qr Code
1265779
OggiOggi1032
IeriIeri1324
Questa settimanaQuesta settimana2356
Questo meseQuesto mese4871
Dall'inizioDall'inizio1265779