Il MiG-31 (Микояна и Гуревича МиГ-31 in caratteri cirillici, in codifica NATO "Foxhound", un tipo di cane utilizzato per la caccia alla volpe) è un caccia intercettore ognitempo supersonico sovietico-russo realizzato per rimpiazzare il MiG-25 "Foxbat". È l'unico aereo al mondo progettato esplicitamente per contrastare i missili da crociera. Non esiste un equivalente occidentale di questo apparecchio, che è il più pesante e veloce caccia oggi in servizio operativo.

 

 

Sviluppo.
Il MiG-31 è costruito a Nižnij Novgorod (in passato a Gorky) e nacque in risposta ad una specifica del comando dell'allora difesa aerea sovietica per un intercettore ad elevate prestazioni, che offrisse maggiore flessibilità di impiego ed autonomia dalle stazioni di guida-caccia. Lo scopo era realizzare un aereo in grado di difendere lo spazio aereo dell'Unione Sovietica dalla minaccia rappresentata dai missili da crociera, sia trasportati da aerei (come il Boeing B-52), sia lanciati da sistemi terrestri o navali (in particolare i BGM-109 Tomahawk). Inoltre, il suo scopo era anche essere in grado di intercettare i bombardieri supersonici, come ad esempio i Panavia Tornado ed i B-1. Il punto di partenza fu il MiG-25 "Foxbat", un aereo che già aveva delle prestazioni simili a quelle richieste. Da questa base, i tecnici dell'ufficio MiG realizzarono un intercettore biposto, caratterizzato da numerose innovazioni rispetto al predecessore, in particolare motori più potenti, maggiore autonomia, una cellula rinforzata per consentire velocità supersoniche a basse quote, ed un sistema d'arma più potente. I motori previsti per il MiG-31 aereo erano i Tumansky R-15BF-2-300 da 13.500 kgf con postbruciatore, ma visto che questi non erano stati messi a punto, furono sostituiti con i Soloviev D-30F-6 da 9.500 kg a secco e 15.500 kgf con postbruciatore. Questi motori vennero montati sul prototipo, designato MiG-25MP (poi Ye-155MP), che volò per la prima volta il 16 settembre del 1975. Tuttavia lo sviluppo andò avanti con estrema lentezza, tanto che entrò in servizio solo nel 1982 La versione definitiva ebbe la designazione interna di I-01, e venne prodotta in serie presso gli stabilimenti aeronautici di Nizhny Novgorod (che allora si chiamava Gorky). In occidente si venne a conoscenza del progetto grazie alle informazioni del tenente pilota Viktor Belenko, che disertò nel 1976. La prima foto (escluse le immagini satellitari) è del 1985, realizzata da un pilota norvegese. La produzione totale, andata avanti a rilento dopo il 1991 e completamente cessata nel 1997, ammonta a circa 500 unità.

Impiego operativo.
Il MiG-31 non è mai stato oggetto di esportazioni al di fuori dell'Unione Sovietica. Inoltre, anche dopo lo scioglimento della stessa, il suo utilizzo continua ad essere limitato a Paesi appartenenti alla CSI: la voce di un contratto del 1992 con la Repubblica Popolare Cinese (24 esemplari acquistati, più la licenza di produzione per altri 700) non è mai stata confermata, e le trattative con l'Iran per 24 esemplari non hanno avuto seguito. Ad oggi, le uniche nazioni che utilizzano il velivolo nelle proprie forze aeree sono Russia e Kazakistan. La Russia è il principale utente di questo aereo. Infatti, risultano operativi 286 esemplari (256 nell'aviazione e 30 nella marina), aggiornati allo standard MiG-31B e MiG-31BS. Il Kazakistan ne ha ricevuti 32 esemplari (ma c'è chi dice si sia trattato di una quarantina) in seguito alla disgregazione dell'Unione Sovietica. Nonostante questi potenti e sofisticati aerei siano probabilmente eccessivi rispetto alle esigenze della V-VS(QR), risultano ancora in servizio. Dal punto di vista operativo, il MiG-31 è sicuramente più capace e versatile del suo predecessore. Si tratta infatti di un aereo in grado di effettuare missioni di intercettazione praticamente con qualunque situazione meteo, capace di ingaggiare avversari che vanno dal bombardiere strategico al missile da crociera. Tuttavia, non si tratta di un aereo adatto al combattimento manovrato a causa delle sue dimensioni e del suo peso. Oggi vengono usati (soprattutto in Russia settentrionale) anche con il ruolo di aerei AWACS.Questo è possibile grazie al sofisticato sistema di data-link, che rende possibile collegare tra loro 4 MiG-31, permettendogli in questo modo di controllare un fronte di ben 900 km. Ne sono stati prodotti circa 500, mai impiegati in operazioni belliche.

Descrizione tecnica.
Questo aereo, derivato dal MiG-25, non ha praticamente nulla in comune rispetto al suo predecessore. Il disegno è diverso per tutta una serie di particolari. Per la costruzione sono stati utilizzati titanio (16%), lega di alluminio (33%), acciaio al nichel saldato ad arco (49%) e materiali compositi (2%). Questa particolare composizione aumenta la resistenza della struttura, e permette all'aereo di raggiungere velocità supersoniche anche a bassa quota (Mach 1,23, pari a 1.500 km/h). Ad alta quota può raggiungere Mach 2,83 (3.000 km/h), ma la velocità massima teoricamente raggiungibile sarebbe di Mach 3 (raggiungerla potrebbe però comportare rischi per la struttura del velivolo). La capacità di combustibile interna è di oltre 20.000 litri, ed è caratterizzato dalla possibilità di imbarcare due serbatoi supplementari sotto le ali da 2.500 litri l'uno. La versione base è sprovvista della possibilità di rifornimento in volo.

Armamento.
La dotazione tipica di missione del MiG-31 consiste in quattro missili aria-aria Vympel R-33 (nome in codice NATO: AA-9 Amos), che hanno una gittata di 110-120 km, e quattro Molniya R-60 (AA-8 Aphid), con una gittata di 7-12 km. Inoltre, è equipaggiato con un cannone a sei canne rotanti interno GSh-6-23 da 23 mm (con 260 colpi), che ha una cadenza di fuoco dichiarata tra i 6.000 e gli 8.000 colpi al minuto. Il punto di forza del suo armamento è sicuramente il radar, un NIIP SBI-16 Zaslon (nome in codice NATO: "Fash Dance") munito di un'antenna a scansione elettronica, con una portata di oltre 200 km in scoperta e 120 in inseguimento. Pare si tratti del più potente radar d'attacco esistente: ha la capacità di inseguire 10 bersagli ed ingaggiarne fino a 4 contemporaneamente, a quote di volo che vanno da 25 a 28.000 metri. Tuttavia, pare che le versioni successive montino una versione del radar migliorata, lo Zaslon-M, che sembra abbia una portata di 400 km.

Versioni.
MiG-31 "Foxhound-A": versione base, entrato in servizio nel 1982. Può portare 8 missili ed è fornito di un data-link che consente a 4 aerei di pattugliare un fronte di 900 km. Fornito di un sistema radar APD-518 per attacchi silenziosi, è in grado di ingaggiare fino a 4 bersagli contemporaneamente.
MiG-31LL: uno dei primi modelli di MiG-31 convertito in aereo sperimentale con agganci per macchine fotografiche sulle ali.
MiG-31DZ "Foxhound-A": designazione non ufficiale dei MiG-31 modificati con sonda per il rifornimento in volo davanti all'abitacolo.
MiG-31B "Foxhound-A" (Izdelye 02): introdotto nel 1990. Versione migliorata del MiG-31 con avionica di origine statunitense. Prodotto in serie.
MiG-31BS "Foxhound-A": versione con radar migliorato, contiene alcuni elementi del MiG-31M (stesso armamento e possibilità di portare quattro serbatoi subalari da 2.250 litri).
MiG-31E: versione da esportazione rimasta senza seguito. Un esemplare costruito.
MiG-31M "Foxhound-B" (Izdelye 05): 7 prototipi costruiti. Può ingaggiare in contemporanea 6 bersagli. Non prodotto in serie a causa del crollo dell'URSS. Lo sviluppo è iniziato nel 1983 ed il primo volo è del 1986. Si tratta di un aereo più sofisticato, ha una sonda per il rifornimento in volo completamente retrattile, un nuovo sistema di comandi ed un radar MIIP S-800 Zaslon-M, con funzioni più sofisticate. Il radar, infatti, può inseguire fino a 10 bersagli contemporaneamente ed ingaggiarne 4. L'armamento previsto è 4 Vympel R-37 (AA-X-13) e 4 Vympel R-77 (AA-12 Adder). È stato costruito in 7 esemplari, ma non ha avuto seguito. Per il cannone, sul MiG-31M la cadenza di colpi è di 12.000 colpi/min teorici.
MiG-31D (Izdelye 07): 2 esemplari modificati e sperimentati tra il 1986 ed il 1987. Possono imbarcare un missile con capacità antisatellite. Il programma è stato sospeso con la cancellazione del programma americano SDI (il Strategic Defense Initiative).
MiG-31BM: versione multiruolo. I test per l'aggiornamento sono stati completati nel 1999. Si tratta di un caccia multiruolo che è in grado di colpire anche bersagli al suolo. L'aggiornamento principale consiste in un computer di bordo e di un radar in grado di attivare contemporaneamente sia i missili aria-aria sia quelli aria-superficie. In operazioni di intercettazione può ingaggiare fino a 24 bersagli contemporaneamente.
MiG-31FE "Foxhound-B": versione multiruolo d'esportazione del MiG-31BM.
MiG-31A (MiG-31S): versione MiG-31D modificata per il lancio di un satellite.

Fonte: http://it.wikipedia.org


 

MiG-31 ammodernati per Aeronautica russa.

Per i bisogni dell’Aeronautica russa è in programma l’ammodernamento di oltre 60 caccia intercettori MiG-31. Lo ha reso noto venerdì il colonnello Vladimir Drik, portavoce del Ministero della Difesa della Russia per le questioni dell’aeronautica. Il colonnello ha comunicato che l’aereo sarà dotato di un nuovo sistema di guida degli armamenti che permetterà di aumentare la distanza di acquisizione del bersaglio fino a 320 km e il raggio d’azione per la distruzione del bersaglio fino a 280 km. L’aereo ammodernato MiG-31БМ sarà capace di inseguire fino a dieci bersagli aerei contemporaneamente e di colpirne sei simultaneamente. Il caccia intercettore MiG-31 è destinato prima di tutto a distruggere aerei e missili alati nelle zone di confine e nelle zone interne del paese.

Fonte: http://italian.ruvr.ru

 

 

L'aviazione militare russa nel prossimo futuro avrà in dotazione un nuovo missile aria-aria che raddoppierà le capacità di combattimento del Mig-31. Secondo il comandante dell'aviazione Aleksander Zelin la creazione del razzo è nella fase finale e all'esercito sono rimasti da eseguire solo alcune prove. Fino al 2020 un programma di modernizzazione sarà attuato per sessanta MiG-31 fino al modello BM. Gli aerei modernizzati avranno un nuovo sistema di armamento e di controllo radar, che rileverà bersagli a distanze fino a 320 chilometri. I MiG-31BM saranno in grado di monitorare contemporaneamente fino a dieci bersagli aerei.

Fonte: http://italian.ruvr.ru

 

 

Il Mig-31 Foxhound è un velocissimo caccia-intercettore biposto da 3000 Kilometri orari, successore del Mig-25 del quale mantiene l'impostazione generale con i suoi due grandi motori e le enormi prese d'aria a sezione rettangolare. Il Mig-31 fu prodotto a partire dai primi anni 80 ed è tutt'ora in servizio attivo nell'Aeronautica Militare russa. L'impiego di leghe metalliche leggere e la dotazione di motori più potenti ed efficienti rispetto al suo predecessore Mig-25, hanno consacrato il Mig-31 tra i caccia più veloci al mondo, con prestazioni di salita che gli sono valse, in una versione rimotorizzata, i record di altitudine di oltre 37000 metri e quello di salita a 4000m in poco più di 4 minuti. Le altitudini raggiunte dal Mig-31 consentono di apprezzare la curvatura terrestre volando nel silenzio ovattato della stratosfera, dove la turbolenza non arriva e dove il cielo soprastante è di colore blu intenso.

Fonte: http://www.incredibleadventures.it

 

 

Questo codice QR qui sotto è un link che porta a questa specifica pagina web, all'interno di questo sito. Il codice dentro l'immagine quadrata viene interpretato da apposite applicazioni per smartphone, e da altri software, portando direttamente alla pagina che state consultando ora.
Qr Code
1265802
OggiOggi1055
IeriIeri1324
Questa settimanaQuesta settimana2379
Questo meseQuesto mese4894
Dall'inizioDall'inizio1265802