Durante la Guerra Fredda l’US Air Force creò una squadriglia segreta formata da aerei sovietici ottenuti nei modi più diversi, molti grazie alla defezione dei piloti. Gli Stati Uniti hanno esaminato attentamente tutti gli aerei dell’URSS caduti nelle loro mani. Alcuni fuggiti da Cuba.

 

 

La 4477.ma squadriglia di valutazione (4477 TES) fu creata dal Comando Aereo Tattico dell’Aeronautica militare degli Stati Uniti per apprendere le caratteristiche di volo degli aeromobili utilizzati dall’Unione Sovietica durante la Guerra Fredda. Lo scopo di questo progetto segreto, chiamato Constant Peg, era addestrare i piloti e gli addetti alle armi dell’Aeronautica militare e del Corpo dei marines degli Stati Uniti contro i velivoli nemici. La novità di questa iniziativa fu l’impiego diretto di tecnologia sovietica. L’informazione pubblica su tale unità soprannominata Red Eagles fu declassificata di recente, nel 2006. Così si apprese che tra il 1977 e il 1988 operava da basi nel deserto del Nevada, nel complesso denominato “Area 51″, con aeromobili MiG-15, MiG-17, MiG-21 e MiG-23, anche se non fu ufficialmente sciolta prima del 1990. Come dicono gli specialisti Steve Davies e Gaillard R. Peck Jr nei loro rispettivi libri sul 4477 TEST, la maggior parte dei velivoli fu ottenuto con prestiti o acquisizioni da Paesi come Israele (esemplari catturati nelle guerre con i Paesi arabi) o Indonesia, ma nella prima fase di Constant Peg, furono anche usati velivoli consegnati dai disertori. Come nel caso del caccia Jakovlev Jak-23 del pilota rumeno Mihail Diaconu che volò nel 1953 in Jugoslavia e che i servizi segreti statunitensi ebbero dall’Aeronautica del Maresciallo Tito. L’aereo arrivò disarmato e fu inviato al centro di test e valutazione dell’US Air Force di Wright Airfield, presso Dayton, Ohio, dove fece diversi voli di prova, riconosciuti negli Stati Uniti. Per mantenere segreto il possesso del velivolo, lo Jak-23 fece le prove di volo nelle prime ore del mattino. Dopo aver completato tutti i test, il velivolo fu smontato e rimandato in Jugoslavia con l’araldica originale. Gli statunitensi conclusero che, nonostante fosse superato dai caccia di nuova generazione, lo Jak-23 era ancora una minaccia per i bombardieri che conducessero missioni sul territorio dell’URSS.

 

Video in inglese su test condotti dall’USAF con lo Jak-23, declassificato nel 1994.



In realtà, gli Stati Uniti erano ansiosi d’avere un MiG-15, l’aereo che gli causava gravi perdite nella guerra di Corea, quindi optarono per l’uso del denaro offrendo 100.000 dollari e asilo politico ai piloti che disertavano su uno di questi velivoli. L’Operazione Moolah portò dei risultati la mattina del 5 marzo 1953, con l’atterraggio sull’isola danese di Bornholm del polacco Franciszek Jarecki a bordo dell’aereo desiderato. Gli esperti dell’USAF approfondirono il velivolo, che fu restituito via nave alla Polonia secondo gli standard internazionali. Tuttavia, gli Stati Uniti fecero volare sul deserto del Nevada l’aereo con cui il tenente nordcoreano No Kum-Sok cercò di divenire cittadino statunitense, fuggendo in aereo in Corea del Sud, il 21 settembre 1953.

 

Valutazione del MiG-15 da parte dell’USAF.



Quando aerei volarono da Cuba in quel periodo, alcuni di tali velivoli non aggiunsero tecnologicamente nulla agli Stati Uniti, come l’addestratore Zlin 326 dell’istruttore cubano Jose Diaz Vásquez che volò un anno dopo la crisi dei missili di Cuba, a Key West. O l’elicottero Mil Mi-4 fuggito nel 1964 dopo che Santos Guillermo Izaguirre e Andrés Izaguirre ne uccisero in volo il comandante José García inviando il velivolo da Cuba alla stessa destinazione scelta da Diaz Vasquez. Secondo lo storico Ruben Urribarres, forse fu molto interessante ricevere sul proprio territorio un MiG-17 cubano del reggimento di Santa Clara, pilotato dal tenente Eduardo Jiménez Guerra, passato al blocco occidentale il 5 ottobre 1969 volando sulla Homestead Air Force Base di Miami e creando grande allarme, dato che all’atterraggio il caccia sovietico parcheggiò vicino al Boeing 707 del presidente Lyndon B Johnson, evidenziando i problemi del sistema di difesa aerea degli Stati Uniti. L’aereo sarebbe tornato a Cuba che dieci anni dopo. Il vero oggetto del desiderio dell’USAF in quegli anni era il MiG-21 che creava molti problemi in Vietnam. Ne ottenne un esemplare, più due MiG-17 siriani, attraverso Israele. In particolare, il MiG-21 era l’aereo con cui aveva disertato nel 1966, con l’Operazione Diamante del Mossad, il capitano dell’Iraqi Air Force Munir Radfa. Gli statunitensi condussero dei test tra gennaio e aprile 1968. I loro piloti in Nevada lo descrissero come “un aereo buono ed onesto”. Dei MiG-17, i dirigenti del programma notarono con preoccupazione che nei primi test contro gli F-4 Phantom, questi venivano sconfitti più e più volte dai piccoli e agili aerei sovietici. Tra l’altro, grazie al materiale sovietico, fu facilitato l’invio ad Israele dei Phantom. Negli anni ’70, il raffreddamento delle relazioni tra l’Unione Sovietica e l’Egitto fornì aerei più avanzati all’unità segreta. Il presidente Anwar Sadat diede al suo potente alleato occidentale due cacciabombardieri MiG-23 Flogger che furono esaminati e valutati nelle installazioni militari preferite dagli ufologi di tutto il mondo. L’ultima defezione di un aereo sovietico da Cuba risale al 1993, quando un MiG-21bis cubano pilotato dal capitano Enio Ravelo Rodriguez atterrò negli Stati Uniti e il 20 marzo 1991, quando il maggiore Oreste Lorenzo Pérez apparve sull’US Naval Air Station di Boca Chica su un cacciabombardiere MiG-23, il modello più moderno che disertò negli Stati Uniti da Cuba. Né i radar statunitensi né cubani rilevarono l’intruso. Fu uno scandalo che dimostrò la vulnerabilità di entrambi i Paesi agli attacchi aerei. Il velivolo fu restituito e Lorenzo chiese asilo politico, ma la famiglia rimase a Cuba (moglie e due figli). Come racconta il blog Baracutey Cubano, Oreste (veterano dell’Angola) volò segretamente su un piccolo aereo nell’isola, atterrando su una strada a Varadero, a 150 km ad ovest di L’Avana, ingannando le nuove difese aeree cubane e rientrando in sicurezza all’aeroporto di Marathon, Florida Keys, Florida. Ufficialmente, il programma dei test con aeromobili “stranieri” fu chiuso dopo la caduta dell’URSS. Tra tre e cinque piloti statunitensi morirono negli incidenti durante Constant Peg. Il 4477 fu disattivato e i loro aerei conservati come pezzi da museo o nei cimiteri aeronautici. Tuttavia, un nuovo squadrone erede del 4477 fu creato, il 57.th Wing di Nellis che apparentemente utilizza aerei “non americani”. Ciò è suggerito dall’avvistamento di un caccia Sukhoi Su-22 nel marzo 1994 a Groom Lake (foto pubblicata sulla rivista Popular Science) e da un Su-27 Flanker nell’ottobre 1994 (secondo la rivista Aerospace Daily). Il 10 ottobre 1997 l’Arms Control Association riferì che gli Stati Uniti avevano comprato quell’anno quattordici caccia moldavi MiG-29C, sei MiG-29A e Mig-29B, 500 missili aria-aria, apparecchiature diagnostiche e ricambi immagazzinati nella base moldava degli aerei. Gli statunitensi presentarono la scusa che l’acquisto fu fatto per impedire la vendita del materiale all’Iran. La Moldova ricevette 40 milioni di dollari in “aiuti umanitari e armi non letali” come veicoli per la repressione delle manifestazioni. I MiG furono trasportati al National Air Intelligence Center (NAIC) di Wright Patterson, Ohio, da aerei da trasporto C-17.

 

Video del 2003 che assicura di mostrare MiG-29 e Sukhoj Su-27 sorvolare Groom Lake.



Alcune fonti hanno indicato che quest’anno il Combat Command Air Force (ACC) ha avuto regolare accesso a velivoli MiG-29 Fulcrum e Sukhoj Su-27 a Groom Lake (Nevada) dove volano nelle esercitazioni contro gli istruttori della Scuola aerea e dello squadrone di valutazione 422 di Nellis. Si presuppone che siano velivoli dell’aeronautica ucraina che si esercitano con gli omologhi statunitensi.

L’agenzia RIA Novosti riferiva il 5 dicembre 2009 l’acquisto di 2 Sukhoj Su-27 dagli Stati Uniti da un’impresa privata ucraina. RIA Novosti aveva anche citato fonti statunitensi che sostenevano che i due caccia erano privi di armi e venivano rivisti e modificati dalla società Pride Air.

 

Video della Consegna dei 2 Sukhoi Su-27 ucraini agli USA.



Alcune fonti hanno indicato che quest’anno il Combat Command Air Force (ACC) ha avuto regolare accesso a velivoli MiG-29 Fulcrum e Sukhoj Su-27 a Groom Lake (Nevada), dove volano nelle esercitazioni contro gli istruttori della Scuola aerea e dello squadrone di valutazione 422 di Nellis. Si presuppone che siano velivoli dell’aeronautica ucraina che si esercitano con gli omologhi statunitensi.

 

 

Per ulteriori informazioni:
Red Eagles: America’s Secret MiGs (Steve Davies)
America’s Secret MiG Squadron: The Red Eagles of Project CONSTANT PEG (Gaillard R. Peck. Jr.)

 

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Fonte: https://aurorasito.wordpress.com

 

 

Questo codice QR qui sotto è un link che porta a questa specifica pagina web, all'interno di questo sito. Il codice dentro l'immagine quadrata viene interpretato da apposite applicazioni per smartphone, e da altri software, portando direttamente alla pagina che state consultando ora.
Qr Code
1265792
OggiOggi1045
IeriIeri1324
Questa settimanaQuesta settimana2369
Questo meseQuesto mese4884
Dall'inizioDall'inizio1265792