Ecco qui sotto alcune possibilità e risorse che il governo italiano può utilizzare, incentivare o valorizzare per diminuire i danni connessi con un'eventuale periodo di pericolosità degli ufo, oggetti che sono stati messi in relazione anche con il blocco della corrente elettrica in vaste zone (esempi: uno , due ) oppure di distruggere e vaporizzare oggetti ed aree. Questi metodi non risolvono il problema, ma attenuano i danni aumentando le risorse disponibili per l'Italia nei "tempi di pace". Questa pagina verrà ampliata ed arricchita di informazioni in futuro, ed è una risorsa utile anche per sceneggiatori, romanzieri e realizzatori di videogiochi.


 

Decentramento.
Negli ultimi decenni la popolazione italiana ha abbandonato montagne e paesini, sovrappopolando città e pianure, ed i maligni hanno affermato che esiste la volontà di concentrare più persone possibile in poco spazio (controllato da telecamere). Nel nostro stato ci sono così almeno 6.000 paesini abbandonati, in diverso stato di conservazione ma così moltissimi chilometri quadrati di terrirorio italiano non sono controllati, facilitando le attività clandestine degli ufo, ed intanto risorse locali per miliardi di euro sono tralasciate. L'abbandono delle montagne è un disastro nazionale. Il governo può attuare la politica inversa sotto forma di un rapido ripopolamento di ogni spazio abitativo disponibile, per valorizzare le risorse dei borghi abbandinati generando lavoro, diminuendo la concentrazione di popolazione nelle città e nelle pianure, così che ogni attacco degli ufo sia meno efficente e meno dannoso grazie al decentramento. Occorre anche attuare una ridondanza di sistemi vitali come se si temessero dei bombardamenti, non devono esistere solo poche zone di comando perchè se esse vengono neutralizzate l'intero paese crolla nel caos, l'energia ed i trasporti devono passare da meno "colli di bottiglia" possibili. Occorre incentivare le autosufficienze locali, comprese le produzioni di prodotti essenziali a chilometro zero (anche nel caso dell'energia), per non dipendere troppo da camion e treni. Milioni di italiani vanno spostati in zone di montagna e di campagna, aumentando così il controllo del territorio e l'utilizzo delle varie risorse oggi abbandonate, permettendogli di lavorare laggiù. Dal punto di vista storico occorre ricordare che l'Unione Sovietica, sotto la pressione dell'invasione nazista, effettuò un immenso e proficuo spostamento di persone e fabbriche verso est durante la Seconda Guerra Mondiale.

 



Permacultura.
Sotto i termini di "orto sinergico" , oppure "permacultura" oppure "permagricoltura" esistono delle strategie di coltivazione che richiedono poca fatica (in certi casi non si smuove nemmeno il terreno). Non serve concimare, ci si ricava da soli i semi e si produce del cibo in modo sostenibile. Tantissimi italiani disoccupati possono guadagnarsi un reddito onestamente con queste metodologie, che si possono avviare a basso costo anche nelle zone dove si sono spostate le persone con la tecnica del decentramento indicata qui sopra. Queste coltivazioni lontane dalle città possono garantire un flusso costante di cibo anche se non ci fosse più la corrente elettrica, aumentando la resistenza della società a guerre e catastrofi.

 



Tricicli ed altri veicoli a pedali.
Nota è la capacità degli ufo di interrompere il funzionamento di automobili, camion, moto ed altri veicoli, in caso di loro intensa attività i trasporti possono entrare in una paralisi totale. In concomitanza con la crisi economica molte persone stanno dismettendo le automobili, dirottandosi su alternative come il monopattino elettrico. Và semmai incoraggiata l'adozione di tricicli da trasporto merci e biciclette, che non richiedono carburanti e funzionano anche se la corrente elettrica venisse bloccata dagli ufo. Le tecnologie oggi esistenti a livello civile in questo campo vanno migliorate, con freni di maggiore durata e gomme molto più difficili da forare, permettendo dei trasporti a breve raggio anche se gli ufo togliessero tutta l'energia. I costi nazionali di consumi di carburanti diminuirebbero, con benefici anche nella vita normale prima di un'eventuale ed ipotetica emergenza.


 

Erboristeria ed erbe spontanee.
Tanti italiani possono imparare l'erboristeria avanzata per alleviare leggermente un'eventuale mancanza di farmaci dovuta ad un'emergenza, raccogliendo e valorizzando prodotti naturali. Altre persone possono invece imparare a riconoscere ed utilizzare e cucinare le cosiddette "erbe spontanee" che crescono (senza nessuno sforzo) fuori dalle città. Entrambe queste tecniche, se utilizzate più di oggi, produrrebbero un piccolo beneficio all'economia nazionale sotto forma di risparmi (anche dalle importazioni).

 

 

Refrigerazione senza corrente elettrica.
Occorre spingere ed incentivare nel paese l'utilizzo di sistemi di refrigerazione degli alimenti che funzionino senza corrente elettrica, per esempio i vasi zeer che sono dei frigoriferi che funzionano grazie all'evaporazione dell'acqua. Esistè già una grotta auto-refrigerante per conservare le mele, questo trucco può servire alle aziende per diminuire i costi energetici ma intanto una parte delle riserve di cibo sarebbero in salvo da eventuali black out elettrici prodotti dagli ufo. Anche le classiche ghiacciaie, come le Yakhchal (le ghiacciaie ad aria efficaci anche nel deserto) potrebbero essere considerate per questi scopi, diffondendole con la scusa dei risparmi e con agevolazioni fiscali. Anche dei progetti come Eco-cooler (il condizionatore gratuito ad aria) ed una lista di ulteriori trucchi sono a disposizione.

 

 

Vari metodi di raccolta e depurazione dell'acqua.
Molte persone non sanno che si può ricavare acqua dall'aria (esempi: metodo 1 - metodo 2 - metodo 3 - metodo 4 - metodo 5 - metodo 6 - metodo 7 ), metodologie che possono essere incentivate in Italia con la scusa dell'avanzamento della desertificazione. La penisola e le isole hanno molto mare intorno, la cui acqua può essere depurata a basso costo per renderla potabile con il metodo GivePower oppure con il metodo MOF , ma anche con altri sistemi a basso costo che si consultano in rete. Altri trucchi interessanti sono presenti in questo elenco , tra cui la canalizzazione sotterranea del qanat che si utilizza nel deserto.

 

 

Decentramento contro la telepatia degli alieni.
Moltissime sono le testimonianze secondo cui gli extraterrestri abbinati agli ufo utilizzerebbero la telepatia ed anche l'influenza a distanza contro le persone. Questo è un pericolo perchè l'eventuale nemico alieno potrebbe così influenzare i leader della ricerca e della difesa umana, senza nemmeno avvicinarli. Più il sistema di comando, controllo ed analisi strategica fosse in mano a poche persone e più sarebbe facile per gli extraterrestri fargli fare degli errori disastrosi, perchè il numero di cervelli su cui concentrare gli sforzi diminuirebbe. Per sminuire l'efficacia dell'azione a distanza dell'ipotetico nemico mediante varie forme di telepatia serve avere un forte decentramento gerarchico, in cui il lavoro di analisi e sviluppo e ricerca e decisione viene distribuito su tanti cervelli; ci possono essere dei problemi organizzativi ma in passato i gruppi di guerriglia hanno potuto sopravvivere ai bombardamenti ed alle uccisioni mirate proprio grazie a questo tipo di organizzazione. Alcune idee utili possono venire dall'impostazione tattica e strategica della difesa svedese negli anni della Guerra Fredda dove si davano per scontate le eliminazioni mirate da parte degli Spetznaz sovietici, e problemi di ogni tipo nelle comunicazioni o nell'inoltro degli ordini operativi. Se non si attenua l'efficacia della telepatia dei potenziali nemici non-umani semplicemente è inutile organizzare una qualche ipotesi difensiva, per quanto la logica burocratica tenda a "concentrare" tutto sotto un solo controllo operativo. Nell'ipotesi di un'eventuale minaccia extraterrestre è quindi molto meglio che gli ufologi siano divisi in molti centri indipendenti tra loro che riuniti in un unico organismo operativo. Eventuali "rapiti dagli alieni" devono essere completamente allontanati dalle strutture dove si organizza una difesa contro i non-umani, considerando il diffuso concetto secondo cui sarebbero fortemente influenzabili dai loro "padroni" mediante la telepatia. Se possibile ogni persona dovrebbe essere addestrata a riconoscere i propri pensieri rispetto a possibili "voci interiori" o a riconoscere possibili "influenze a distanza" (anche durante i sogni notturni) per diminuire l'efficacia dello sforzo telepatico dell'ipotetico avversario.

 

 

Articolo del Webmaster dell'Ansu.

 


 

OggiOggi126
IeriIeri1559
Questa settimanaQuesta settimana126
Questo meseQuesto mese23024
Dall'inizioDall'inizio1781090