Statistiche
1
Visite: 688021




Mappamondo ultime visite

Corea Del Nord schiera Icbm atomici.

Geopolitica.pngIl 5 Aprile 2009 la Corea del Nord ha testato per la seconda volta il Taepodong-2, un missile a lungo raggio, cosi’ come era stato preannunciato settimane prima. Il Taepodong-2 è stato lanciato alle 2.30 UTC (11:30 Korean Standard Time), come sostengono i nordcoreani, per portare in orbita un satellite di telecomunicazioni, Kwangmyongsong-2 o Unha-2. Da parte loro, Stati Uniti, Giappone e Corea del Sud accusano Pyongyang di aver testato un missile intercontinentale destinato a supportare testate nucleari.



uploaded_image


Subito dopo il test si sono succedute valutazioni discordanti sul suo esito; mentre secondo Pyongyang l’operazione sarebbe riuscita e il satellite in orbita trasmettendo canti rivoluzionari, USA, Giappone e Corea del Sud sostengono invece che il missile è ricaduto nel Pacifico, e non esiste traccia di satelliti in orbita.
Successivi dati analizzati hanno pero’ dato un’altra versione dei fatti; il test sarebbe stato un successo dato che il razzo ha volato svariate miglia più lontano rispetto a quanto creduto e usato un avanzato sistema di navigazione rispetto al precedente test.
Il razzo ha raggiunto una distanza di 2390 miglia contro i 1900 precedentemente annunciati da fonti militari americane; avrebbe inoltre temporaneamente sorvolato in orbita prima di ricadere e tornare in atmosfera a una velocità relativamente ridotta, che ha permesso ai frammentidi sopravvivere fino all’impatto piuttosto che bruciarsi.
I dati mostrano che il propulsore solido del terzo stadio avrebbe fallito a separarsi propriamente, mentre il secondo stadio ha operato normalmente. Inizialmente era stato afferamte che anche il secondo stadio si fosse disintegrato.
Il Taepodong-2 avrebbe usato moderni sistemi di navigazione e altri miglioramenti tecnologici che potrebbero facilitare il suo dispiegamento come razzo ICBM*.
I nuovi dati sarebbero confermati anche dal US Air Force Defence Support Programme (DSP), mostrando che il razzo ha volato almeno di 500 miglia piu’ lontano nel Pacifico in direzione Hawaii, che il secondo stadio è ricaduto nella zona di impatto che la Corea del Nord aveva interdetto alla navigazione marittima e aerea.
I dettagli visibili dal video della TV di stato nordcoreana inoltre avrebbero confermato la presenza di alcuni avanzamenti tecnologici, al momento del lancio sarebbero visibili degli sbuffi di fumo che dimostrerebbero l’equipaggiamento di sistemi di controllo dell’altitudine.

Ma quali sono le reali ragioni di questo test e quale e’ l’effetiva minaccia posta dal Taepodong-2?

Storia.
Il Taepodong-2 (scritto anche Taep’o-dong-2) designa un missile a tre stadi nordcoreano considerato come il successore del Taepodong-1. Secondo Kim Il Son, ex lavoratore del Dipartimento di Ricerca N°2 in Corea del Nord, lo sviluppo del missile sarebbe iniziato nel 1987, per ordine dello Kim Jong-Il per avere un’effettiva barriera contro possibili minacce di attacco e invasioni.
Il programma di sviluppo di un missile a lungo raggio da parte nordcoreana può essere ricondotto all’evoluzione dello Scud egiziano a suo tempo fornito dai sovietici, che a sua volta derivò dal tedesco V-2. I nordcoreani chiamarono questa variante Hwasong-5, e successive evoluzioni portarono alla versione 6 con un maggior raggio e carico (payload).
Aumentando le prestazioni del Hwasong-6 del 50% i nordcoreani furono in grado di produrre il Nodong, testato con successo e prodotto in quantità tanto da essere considerato un missile ormai in dotazione.
La Corea del Nord avrebbe diversi nomi al Teapodong-2: Hwasong (Mars)-2, e Moksong (Jupiter)-2. Sono in realtà poche le specifiche tecniche in mano al dominio pubblico al di fuori della Corea del Nord, anche il suo nome è frutto di speculazioni occidentali basate sul luogo originario di sviluppo e come successore del TD-1.

Evoluzione.
Il Tapodong era stato visto per la prima volta nella sua cruda versione durante il Febbraio 1994 come razzo a due stadi, che poteva evolvere a tre, con un raggio di 3650-3750 Km e un payload di 700-1000 kg. Il governo americano prese ufficialmente conoscenza dell’esistenza di questo razzo e del suo programma dopo un discorso e la presentazione da parte del Vice-Direttore del Missile Defence Agency of the Pentagon, il Brigadier-Generale dell’Esercito Patrick O’Reilly al George C. Marshall Institute.
In quella presentazione veniva descritto il nuovo Taepodong-2C/3 a due stadi, avente un raggio di 9975.8 km e la sua versione a tre stadi avente un raggio14963.7 Km con una testata da 250 Kg.
In quell’occasione venne anche osservato il nuovo Nodong B, che avrebbe dimostrato un raggio di 3218-4000 Km e descritto come un salto qualitativo nelle performance del sistema missilistico nordcoreano.
Nel febbraio 1994 il test per un motore a combustibile liquido fu intercettato, ma non era chiaro se fosse per il Nodong A o per il nuovo Tapodong, il cui primo stadio si diceva derivasse dal cinese CSS-2 e CSS-3, anche se più ridotto in dimensioni, mentre il 2° stadio era un Nodong A.
Quest’ultimo sarebbe stato la base di sviluppo del Taepodong come fu osservato nel febbraio 1994, e che portò all’evoluzione del razzo iraniano Shahab-3D/IRIS concepito come un possibile veicolo da lancio spaziale. Il risultato finale fu lo sviluppo e il test del Taepodong-1.
Si trattava di un razzo a due stadi, il primo sarebbe un Nodong e il secondo un Hwasong-6, testato il 31 agosto 1998 come razzo spaziale, ma invece di un payload fu introdotto un terzo stadio, probabilmente carburante solido in grado di portare in orbita un satellite. I primi due stadi avrebbero operato con successo, ma il terzo esplose. Secondo i dati il Taepodong-1 sarebbe alto 25 metri, con un peso di 21 tonnellate e un payload di 1 tonnellata.
Il suo fallimento portò all’abbandono di questo razzo, e del suo derivato TD-2/A, considerato inadeguato sia come razzo spaziale che come LRICBM*.
Fu a questo punto che lo sviluppo del Nodong B permise alla Corea del Nord di fare il salto di qualità. Il Tapodong-2C/3 fu testato nel 2006, in notevole ritardo rispetto al piano 3-5 anni previsto inizialmente dai tecnici nordcoreani, dimostrando che fu necessario un totale ridisegno del Tapodong usando come prototipi TD-2A e 2B.
Questo fu confermato dalle immagini dei satelliti spia americani che fotografarono lavori di miglioramento della base di lancio di Musudan-ri: una nuova rampa di lancio di 33 metri (contro i 22 precedenti) fu completata nel luglio 1999 così come nuovi sistemi di supporto attorno alla base.
Negli anni 2001-02 furono condotti solo test a terra, si stima tre o quattro riguradanti motori di Taepodongs.
Molti dei ritardi sono anche riconducibili alle caratteristiche tecniche della base di Musudan-ri, che appariva totalmente opposta a quello che doveva essere una base per il lancio e lo sviluppo di missili intercontinentali, dimostrando che inizialmente non era intesa per supportare un programma di questa portata : pochi raccordi stradali, strade non asfaltate, assenza di complessi di supporto per lo stoccaggio dei materiali, assenza di strutture di supporto per lo staff.
Il suo restiling perciò fu necessario e questo avrebbe ritardato i piani coreani; Solo tre missili furono testati da questa base, anche se vari test a terra furono condotti tra il 1999 e il 2001, e va aggiunta rimane l’incognita dei test sotterranei.
Un’esplosione occorse nel novembre 2002, secondo fonti sudcoreane annunciate il 21 aprile 2003, che avrebbero parzialmente distrutto la rampa di lancio e confermata anche da satelliti spia americani. La sua ricostruzione avrebbe generato perciò il ritardo con il quale il TD-2 fu testato nel 2006.

Il Taepodong-2.
Nel 2006 l’intelligence americana era a conoscenza del desiderio nordcoreano di testare un missile a lungo raggio, nonostante la moratoria basata sulla Dichiarazione Giappone-Corea del Nord Pyongyang, tra Kim Jong-Il e Junichiro Koizumi.
Il Taepodong-2 fu lanciato il 5 luglio 2006 dalla base di Musudan-ri, ma secondo i dati sarebbe fallito dopo soli 35 secondi dal lancio.
Le stime sul TD-2 sono più complicate, e anche se varie versioni sono state osservate come test a terra, il problema per l’intelligence è dovuto al fatto che molte attività nordcoreane sono condotte sottoterra.
Basandosi sulle sue dimensioni, la composizione del carburante, la capacità di carico, si stima che la variante a due stadi avrebbe un raggio attorno ai 4000 Km, e quella a tre stadi 4500. Nel tempo la sua stima del raggio è crescita sostanzialmente, fino ad un massimo di 15000 Km. Al suo massimo raggio si stima avrebbe un payload di meno di 500 Kg, mentre a corto raggio avrebbe un payload di 700-1000 Kg, in grado di supportare armi convenzionali, nucleari o satelliti orbitali.
Il Primo Stadio utilizzerebbe un propulsore liquido (TM-185 e un oxidizer AK-271), probabilmente un Musudan-1 “mobile” da 4000 Km (MRBM)*, derivato dal sovietico R-27 Zyb**. I nordcoreani avrebbero derivato questo razzo con l’aiuto di tecnici russi del VP Makeyev Design Bureau.
Il Secondo Stadio e’ piu’oscuro, molto probabilmente è un derivato dello Scud sovietico in possesso all’arsenale nordcoreano, un Rodong-1, Hwasong-6 o Nodong.
Il Terzo Stadio molto probabilmente e’ un razzo a carburante solido di derivazione cinese.

La minaccia.
Lo sviluppo di in missile intercontinentale costituisce un impegno tecnologico enorme, dispendioso finanziariamente e richiede notevole organizzazione logistica.
Quando si sviluppa un razzo da componenti già esistenti, può non essere ottimale, ma è meglio accettare queste imperfezioni e perdite piuttosto che progettare completamente un nuovo missile da zero. Questo fattore sarebbe un grande vantaggio per la Corea del Nord, ma anche per gli analisti stranieri che possono quindi basare le proprie stime su quanto e noto essere in possesso all’arsenale nordcoreano.
I taepodongs sono missili a propulsione liquida e nell’attuale configurazione hanno operato come razzi spaziali, lanciati da basi statiche con rampa di lancio. Dati i loro costi e le dimensioni, difficilmente possono essere prodotti in larghe quantità, ma possono avere un’importanza strategica se intesi per un numero limitato di obiettivi sensibili di alto livello.
La Corea del Nord è riconosciuta nell’avere l’abilità di produrre armi chimiche e batteriologiche, e il recente test nucleare sotterraneo ne accresce le potenzialità.

Valutazioni.
L’ipotesi del programma spaziale appare la spiegazione più lontana dalla realtà. Se il lancio sarebbe stato veramente per un satellite è fallito miseramente e restano perplessità sulle capacità materiali della Corea del Nord: i costi, la tecnologia richieste sono enormi e se veramente fossero stati questi i motivi avrebbero inevitabilmente bisogno del sostegno cinese o russo in grado di fornire know-how.
La valutazione che vedrebbe la Corea del Nord spendere enormi risorse finanziarie sapendo di non essere in grado di portare un risultato plausibile è da scartare.
La verità è che la Corea del Nord resta fondamentalmente isotata e sopravvive grazie al clima di paranoia e paura generato nel suo popolo e all’estero da possibili guerre. Il lancio rappresenta realmente il test per un ICBM, e confermala presenza di un solido programma di sviluppo missilistico.
In questo caso il know-how e i costi sono nelle capacità nordcoreane, ai quali va riconosciuta una certa abilità nel generare e modificare un arsenale considerato obsoleto. Eppure ci sono delle novità rispetto al passato: sembra che il ricatto nucleare possa essere messo da parte, la spesa di milioni di dollari, il lancio di un missile di tale portata contravvenendo alla moratorie internazionali solo per incalzare Obama o avere cibo in cambio non reggono piu’.
La Corea del Nord non ha rinunciato al riarmo, e non rinuncerà, perché vuole entrare nel novero delle potenze nucleari, visto come reale e unico deterrente ad un cambiamento dello status quo.
La Corea del Nord non vuole invadere il Sud e non vuole allo stesso tempo fare la fine dell’Iraq, vuole una sorta di superiorità tecnologica a e strategica che presevi la sua sopravvivenza. Il suo esercito è superiore via terra a quello sudcoreano e americano nella penisola, ma la superiorita’ della marina e aviazione americana possono essere bilanciati solo con il possesso di armi distruzioni di massa.
Questo sarebbe dimostrato da una serie di passi: il primo esperimento nucleare nel 2007, la chiusura farsa di Yongbyon, la nuova espulsione dei tecnici dell’AIEA, il lancio del Teapodong 2, e la momento in cui si scrive il nuovo test nucleare accompagnato da nuovi missili.
Il messaggio politico e’ chiaramente dietro sia agli Stati Uniti che alla Corea Del Sud.
Dopo l’elezione di Obama, a livello internazionale ci si aspettava un cambio di politica estera, ma dopo aver ottenuto dall’amministrazione Bush tutto quanto era possibile (cibo, carburante, eliminazione dalla lista degli stati canaglia) con il ricatto nucleare, appare chiaro che a Pyongyang esiste un disegno piu’ articolato e la nuova amministrazione USA e’ ritenuta debole rispetto alla precedente
La Corea del Sud riceve un messaggio di chiusura politica, specie dopo l’irrigidimento sudcoreano ai piani di cooperazione con il nord seguiti dal nuovo presidente. Il lancio è anche un segnale di superiorità al sud in vista di un possibile attacco americano.
Ma le ragioni nordcoreane sono anche legate alla politica interna e al suo enigmatico leader Kim Jong-Il. Durante tutto il 2008 si sono avvicendate voci discordanti sulle sue reali condizioni di salute: vittima di un attacco cardiaco, deceduto, e sostituito da un sosia nelle cerimonie pubbliche. Tutto questo ha alimentato voci di possibili dissensi all’interno della gerarchia del partito, di possibili collassi istituzionali e quindi una possibile modificazione dello status quo.
Il lancio perciò sembra quasi anche ribadire la continuità con il passato e anzi offrire una posizione ancora più aggressiva che secondo alcuni però rifletterebbe il passaggio del potere nelle mani della gerarchia militare, più vicina a Kim Jong-il e vista come protettrice degli interesse del paese.

Le reazioni internazionali.
Il Giappone è stato il più veemente nella denuncia coreana, anche al di sopra delle reali possibilità minacciando di abbattere il missile se avesse violato lo spazio aereo giapponese, mentre la Corea del Sud è apparsa sottotono, in parte anche perche’ ha generato l’escalation e la reazione dura di Pyongyang.
Gli Stati Uniti si trovano con l’ennesimo capitolo di questa saga, e dopo gli esempi del passato realmente le carte in tavola sono poche, pressioni diplomatiche e minacce di guerra hanno solo rafforzato il regime e spinto verso un nuovo riarmo. La vera sfida diplomatica inizia ora e Pyongyang vuole vedere quali sono i passi della nuova amministrazione americana.
La prima vittoria la ha già riportata, il Consiglio di Sicurezza delle nazioni Unite appare spaccato, perché sia Mosca che Pechino non vogliono reali e dure punizioni per la Corea del Nord. Il lancio del missile risulta essere una logica per punire gli americani della loro arroganza nel passato gioco di Bush, ma il possibile scudo missilistico in Polonia e Repubblica Ceca tanto osteggiato da Mosca vede un contrappeso in questo riarmo coreano, che suona come una sorta di accusa agli Usa per avere generato una nuova corsa agli armamenti.
Quello che appare chiaro è che a differenza dell’Iran, che sembra disposto al dialogo con Washington, la Corea invece è intenzionata a riprendere da dove ha lasciato con Bush: continuare il suo riarmo, garantire lo status quo e chiudere l’epoca dell’unilateralismo americano. In questo desiderio di ridisegnare l’ordine internazionale Pyongyang ha validi alleati, Mosca e Pechino, entrambi ansiosi di limitare l’influenza americana, definire nuove sfere di influenza e soprattutto garantire lo status quo, ponendo fine a rivoluzioni rosa arancioni, gialle o di qualsiasi colore esse siano.

*SRBM: Short Range Ballistic Missile <1000 Km
MRBM: Medium Range Ballistic Missile 1000-2500 Km
IRBM: Intermediate Range Ballistic Missile 2500-3500 Km
LRICBM: Limited Range Intercontinental Ballistic Missile 3500-8000 Km
FRICBM: Full Range Intercontinental Ballistic Missile 8000-12000 Km

**Il razzo R-27 era a propulsione liquida, a medio raggio, e con singola testata, anche se successive versioni erano a tre testate, lanciato da sottomarini, a differenza della versione nordcoreana che era basata a terra.

Fonte: http://www.peacelink.it/disarmo/a/29549.html




uploaded_image



uploaded_image




Il Dipartimento della Direzione di Artiglieria (localmente nota come pobyong chido kuk) è la branca delle forze armate della Nord Corea che gestisce le forze missilistiche strategiche. Si tratta di una divisione delle forze armate che detiene il controllo dei missili strategici, sia nucleari, sia covenzionali. Principalmente, è equipaggiata con sistemi superficie-superficie di progetto sovietico e cinese, e di missili a lungo raggio di sviluppo nazionale.
La Corea del Nord iniziò ad acquisire una certa capacità missilistica superficie-superficie a corto a partire dagli anni sessanta. In particolare, i maggiori fornitori di tecnologia furono l'Unione Sovietica e la Cina. Alla fine del decennio, furono costituiti dei nuovi istituti con il compito di sviluppare dei sistemi missilistici di realizzazione nazionale. Negli anni settanta, i nordcoreani ottennero alcuni esemplari di Scud-B dall'Egitto: a partire da questi, ne svilupparono una variante locale, chiamata Hwasŏng-5, che fu testato per la prima volta nel 1984. Si trattò del primo missile sviluppato in modo autonomo dalla Corea del Nord: in particolare, rispetto all'originale, questo sistema era caratterizzato da una gittata maggiore e da un carico bellico ridotto. Successivamente, comunque, il governo di Pyongyang ha continuato ad avere relazioni con Paesi più sviluppati, in modo da ottenere tecnologie avanzate.
Nel 1999 le varie unità missilistiche, che erano subordinate al comando di artiglieria delle forze terrestri, furono riorganizzate in una singola forza missilistica: il Dipartimento della Direzione di Artiglieria.

Strutture.
Musudan-ri: poligono missilistico situato alle coordinate 40°51′N, 129°40′E. Situato nella parte meridionale della provincia di Hamgyŏng-pukto, è in un'area conosciuta come Taep'o-dong (대포동): questo fatto ha, in sostanza, dato il nome ai missili Taepodong.
Kittaeryŏng: sito di lancio situato nella provincia di Kangwon-do, ai confini con la Corea del Sud. Viene utilizzato per i lanci di missili a medio raggio ed a rampa mobile (per il quale ha una piazzola).
Kalgol-dong: poligono sito nella provincia di Chagang. Qui sono schierati gli Hwasong-5 e 6, che sono puntati verso la Corea del Sud.
Kusŏng: sito di lancio situato nella provincia di P'yŏngan-pukto. Qui sono schierati i missili Rodong puntati ocntro le forze statunitensi in Giappone.
Okp'yŏng-dong: poligono missilistico nella provincia di Gangwon-do, che ospita missili Hwasong e Nodong.
Pongdong-ri: si tratta di un nuovo grande poligono missilistico attualmente in costruzione. Risulta situato presso la costa occidentale della Corea del Nord, a circa 50 km dal confine cinese. Nel settembre 2008 risultava completo all'80%. Nonostante si a incompleto, può essere usato per effettuare lanci missilistici.
Oltre a questi, vi sono molti altri siti di lancio più piccoli sparsi per il territorio, che possono essere usati per piattaforme mobili. Inoltre, risultano altre grandi installazioni in costruzione.


uploaded_image

Localizzazione del poligono di Musudan-ri.

Capacità di lancio.
Missili lanciabili da silo. Non risulta che la Corea del Nord abbia costruito dei silo missilistici. Tali strutture, infatti, sono utilizzate solo da Paesi che dispongono di missili a lungo raggio, che devono essere tenuti in stato di allerta per lunghi periodi di tempo. Tuttavia, strutture di questo tipo potrebbero essere costruite anche per sistemi a corto raggio, come gli Hwasong-6. L'unico missile con queste caratteristiche a disposizione dei nordcoreani sarebbe il BM25/Musudan-1.
Piazzole di lancio. Installazioni di questo tipo sono necessarie per i grandi Taepodong-1 e 2, poiché il propellente liquido ne rende difficoltoso lo stoccaggio, e comunque devono essere riforniti immediatamente prima del lancio. Si tratta di una metodologia di lancio che espone a grandi rischi, visto che tali siti sono estremamente vulnerabili agli attacchi aerei. Comunque, le piazzole di lancio sono utilizate per testare diversi tipi di missili balistici, oltre che per immettere in orbita satelliti artificiali. Tuttavia, il loro utilizzo per armi strategiche sarebbe essenzialmente limitato.
Lanciatori mobili. La Corea del Nord dispone di un gran numero di missili impiegabili da un lanciatore mobile, come il Rodong-1 ed il BM25. Sono difficili da individuare ed hanno un grado di sopravvivenza significativamente elevato.
Missili per impiego imbarcato. Non risulta che la Forza navale della Corea del Nord disponga in organico di sottomarini lanciamissili balistici. Tuttavia, nel 1993, ha acquistato dalla Russia per la demolizione due battelli della classe Foxtrot e dieci della classe Golf II. I golf sono in grado di lanciare SLBM, ed è possibile che la Nord Corea ne abbia revisionati alcuni con l'aiuto di una ventina di tecnici russi, oppure che ne abbia modificati altri per ospitare grandi. Un'altra opzione è che siano stati appositamente studiati dei tubi di lancio, e che questi siano stati aggiunti a degli esemplari della classe Romeo o della classe Whiskey, oppure semplicemente installati su normali navi da trasporto. In entrambi i casi, la Corea del Nord avrebbe mezzi navali in grado di colpire le basi statunitensi in Giappone, Guam, Hawaii o sulla costa orientale del contiente amaricano.

Missili.
Come detto precedentemente, i missili in dotazione alle forze armate della Nord Corea sono o di progetto russo-cinese, oppure di sviluppo locale. Le informazioni disponibili su questi sistemi sono piuttosto scarse. I missili in servizio sono i FROG-7, Scud-B ed ER (con le copie locali Hwasong-5 ed Hwasong-6) e Rodong-1.


uploaded_image


Oltre a questi, la Corea del Nord ha realizzato anche due vettori spaziali.
Paektusan: si tratta di un missile Taepodong-1 al quale è stato aggiunto un terzo stadio. Questo vettore è stato lanciato per la prima volta nel 1998 con a bordo il piccolo satellite Kwangmyŏngsŏng-1. Il satellite, tuttavia, non ha mai raggiunto l'orbita a causa di un malfunzionamento del terzo stadio.
Unha: si tratta di un missile Taepodong-2 con un terzo stadio aggiuntivo. Lanciato nel 2009 con il satellite Kwangmyŏngsŏng-2 a bordo, anche in questo caso si è registrato un insuccesso.

Testate.
I missili nordcoreani possono impiegare diversi tipi di testate, incluse quelle con armi di distruzione di massa. Risulta possibile che tre Rodong-1 sono stati equipaggiati con testate nucleari. Come prevedeva inizialmente la dottrina nucleare cinese, le armi nucleare sono stoccate separatamente rispetto alle altre testate, e verrebbero montate solo su ordine diretto del comandante in capo (Kim Jong-il). Nonostante le dichiarazioni dei media sul fatto che la Nord Corea non avrebbe ancora creato testate nucleari sufficientemente piccole per essere installate su missili, alcuni rapporti resi noti nell'aprile 2009 sosterrebbero che in realtà il Paese comunista sarebbe riuscito a miniaturizzare le proprie testate.. Il missile più "quotato" per il trasporto di testate nucleari sarebbe il Rodong-1, ceh è stato testato con successo parecchie volte.
Oltre alla bomba atomica, la Corea del Nord possiede anche un vasto assortimento di armi chimiche, inclusi tabun, sarin, soman, VX ed altri. Su queste scorte si sa poco, anche se probabilmente sono piuttosto limitate: infatti, i nordcoreani considerano questi agenti molto pericolosi da maneggiare anche per i loro stessi soldati.

Esportazioni.
L'elenco include tutti i Paesi che operano con sistemi missilistici nordcoreani, oppure che hanno ricevuto dal Paese comunista assistenza per produrli localmente.
Cuba: informazioni non confermate sulla rpesenza di Hwasong-6.
Emirati Arabi Uniti: 25 25 Hwasong-5 acquistati dalla Corea del Nord nel 1989. Tuttavia, il Paese mediorientale non è stato soddisfatto della qualità di questi missili, che vengono attualmente tenuti in magazzino.
Egitto: ha ricevuto la tecnologia e l'assistenza per il mantenimento deghli Hwasong-5 e Hwasong-6.
Etiopia: secondo informazioni non confermate avrebbe in servizio alcuni Hwasong-5.
Iran: si tratta del principale acquirente di missili nordcoreani. Infatti, produce localmente lo Hwasong-5 (Shahab-1), lo Hwasong-6 (Shahab-2) ed il Rodong-1 (Shahab-3). Inoltre, avrebbe circa 18 BM25 con base terrestre.
Libia: ha ricevuto assistenza tecnologica, disegni e componenti di missili nordcoreani. In particolare, nel Paese africano operavano i Rodong, ma sono stati tutti smantellati nel 2004 (insieme agli altri missili con gittata superiore ai 300 km).
Repubblica Democratica del Congo: ha ricevuto assistenza dalla Corea del Nord per il mantenimento e l'utilizzo degli Scud, e potrebbe essere un operatore degli Hwasong-6.
Repubblica del Congo: fonti non confermate riferiscono che il Paese avrebbe acquistato degli Hwasong-5.
Siria: utilizza gli Hwasong-6 ed i Rodong-1.
Sudan: alcuni Scud trasferiti dalla Siria via mare.
Vietnam: ha acquistato missili Hwasong-5/6 nel 1998.
Yemen: ha acquistato missili nordcoreani negli anni novanta.

Fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Dipartimento_della_Direzione_di_Artiglieria



Pubblicato Domenica 07 Novembre 2010 - 13:15 (letto 2002 volte)
Comment Commenti? Print Stampa Bookmark and Share



Le ultime notizie relative a questo argomento

Read La SCO diventa l'anti-Nato. (12/09/2014 - 10:39) letto 201 volte
Read S-500: difesa aerea e spaziale. (04/09/2014 - 14:04) letto 302 volte
Read Rimpac 2014: Usa e Cina insieme. (18/07/2014 - 20:04) letto 437 volte
Read Quando l'X-45 era ancora un prototipo... (09/06/2014 - 12:02) letto 608 volte
Read I nuovi aerei-radar russi A-100. (05/06/2014 - 15:49) letto 929 volte
Read La UEE rende la Russia una superpotenza. (29/04/2014 - 19:28) letto 813 volte
Read La Romania in guerra contro l'Ucraina? (24/04/2014 - 20:36) letto 1171 volte
Read Missili nascosti dentro container civili. (23/04/2014 - 12:49) letto 566 volte
Read Cina: navi civili usabili in guerra. (23/04/2014 - 11:34) letto 361 volte
Read Il nuovo Mig-41 volera' oltre Mach 4. (27/03/2014 - 18:56) letto 1893 volte
Read Altre esercitazioni congiunte Usa-Cina. (27/03/2014 - 18:48) letto 442 volte
Read Timori in Australia per la potenza cinese. (02/03/2014 - 11:59) letto 693 volte
Read Cina ed India: strane esercitazioni comuni. (02/03/2014 - 11:11) letto 761 volte
Read Manovre russo-cinesi nel Mediterraneo. (02/02/2014 - 10:25) letto 777 volte
Read Commenti sull'arma ipersonica cinese. (22/01/2014 - 11:07) letto 1365 volte
Read Anche la Cina prepara un velivolo ipersonico. (15/01/2014 - 10:49) letto 765 volte
Read Il Giappone si annettera' 280 isole. (15/01/2014 - 10:21) letto 721 volte
Read Ipotesi: attacco atomico cinese agli Usa. (12/01/2014 - 20:06) letto 1093 volte
Read Il Giappone e' visto in Cina come il Nemico. (30/12/2013 - 18:37) letto 721 volte
Read Sistema russo contro droni avanzati. (29/12/2013 - 13:08) letto 1163 volte
Read 1971: le vittorie indiane con il Mig 21. (24/12/2013 - 17:11) letto 623 volte
Read Introduzione al Prompt Global Strike. (18/12/2013 - 13:48) letto 669 volte
Read Lo strano caso del Soko J-22 Orao. (14/12/2013 - 13:46) letto 1063 volte
Read I supercannoni cinesi. (01/12/2013 - 12:51) letto 1225 volte
Read Nuovi bombardieri e droni. (23/11/2013 - 09:25) letto 911 volte
Read Droni subacquei Usa negli oceani. (18/11/2013 - 09:35) letto 881 volte
Read Usa e Cina, prove tecniche di alleanza. (12/11/2013 - 14:57) letto 473 volte
Read Esercitazione Usa: blocca server e servizi. (12/11/2013 - 14:24) letto 516 volte
Read Nato: strane super esercitazioni militari. (06/11/2013 - 10:58) letto 1207 volte
Read Usa, Russia e Cina: amici o nemici? (04/11/2013 - 12:11) letto 529 volte
Read Gli aerei ad ala volante: panoramica. (04/11/2013 - 11:16) letto 826 volte
Read I droni Usa avranno laser di difesa. (03/11/2013 - 13:16) letto 540 volte
Read Velivolo ipersonico stealth nel 2030. (03/11/2013 - 12:41) letto 876 volte
Read Putin: prova realistica di guerra nucleare. (31/10/2013 - 12:13) letto 1263 volte
Read La Cina avanza tanto nel mercato dei droni. (30/10/2013 - 14:02) letto 682 volte
Read Droni e tensioni tra Cina e Giappone. (28/10/2013 - 15:02) letto 774 volte
Read Usa ed UK: alleanza o falsa amicizia? (26/10/2013 - 12:55) letto 547 volte

Tutte le notizie relative a questo argomento
Geopolitica.png
 
Cerca
1
Ricerca parole o frasi all'interno del sito.
 
Sondaggio
1
Cosa vi piace dell Ansu?











Voti: 396 | Commenti: 0
 
Grafica
1
Da qui potete scegliere il vostro tema grafico preferito del nostro sito, la vostra scelta restera' memorizzata per i vostri futuri accessi al portale.

 
Login
1






Devi loggarti per visualizzare i tuoi messaggi privati.

Choose your language:
deutsch english español français italiano português
 
Utenti
1
Persone on-line:
admins 0 amministratori
users 0 utenti
guests 9 ospiti
 
Satira
1
Ecco alcune immagini casuali per un poco di allegria, NON prendetele seriamente.


 
Calendario
1
Data: 30/09/2014
Ora: 15:49
« Settembre 2014 »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30
 
Lettura
1
Selezionate un testo dentro il sito e premete il tasto sotto per ascoltarlo in lingua italiana.


Freely inspired to Mollio template