Viaggiare nello spazio ad alte velocità è spesso essenziale per la buona riuscita della missione. Ma si rende necessaria poi la discesa e il rientro in atmosfera, operazioni che pongono un problema fondamentale: il calore. Una delle questioni più importanti nella progettazione di un veicolo spaziale e nella missione vera e propria, è il cosiddetto scudo termico. Si tratta di far sì che tutti i componenti del veicolo rimangano alla temperatura ottimale per i compiti che essi devono svolgere; infatti, durante l’intera missione, il veicolo è esposto ad ambienti estremi, anche molto diversi da quelli terrestri. Si pensi alla discesa di una sonda sulla superficie di un pianeta: è una delle operazioni più rischiose della missione. Si rende necessario difendere il veicolo dalle temperature vertiginose provocate dall’incontro tra l’atmosfera e le altissime velocità di entrata del veicolo. L’atmosfera esercita sul veicolo un attrito fluidodinamico, trasformando in parte la sua energia cinetica in energia termica, con un significativo aumento della temperatura.

 

 

Visitatori del sito dal 3 giugno 2024.

Italy 58,6% Italy
United States of America 31,2% United States of America
Germany 3,6% Germany

Total:

40

Countries
003395
Today: 12
Yesterday: 141
This Week: 350
This Month: 2.088
Total: 3.395
We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.